CinemadaMare sbarca a Nova Siri

veronesi-rina-cdm2014

Dodici edizioni di CinemadaMare e dodici anni che la fase finale della Main Competition (la competizione ufficiale del festival) si tiene a Nova Siri, dove ogni anno viene assegnato il premio Epeo d’Oro. Alla presentazione ufficiale della tappa novasirese, martedì mattina, nella conferenza stampa che si è tenuta all’hotel Imperiale, c’erano il regista e sceneggiatore Giovanni Veronesi e Franco Rina, direttore di CinemadaMare.

E proprio Veronesi ha voluto lanciare messaggi importanti ai giovani filmmkers provenienti da tutto il mondo: “Ho scoperto una cosa lavorando nell’ambiente del cinema, che probabilmente già sapere ma che è giusto che qualcuno vi dica perché vi può essere utile: in questo mestiere, e nell’arte in generale, non esiste la gavetta. Dicono che i giovani sono acerbi – a affermato il regista -, andatelo a dire a Goete, ai Beatles, a Marlon Brando a Leonardo Di Caprio o Picasso: si più essere pronti a qualsiasi età. La maggior parte degli artisti danno il meglio quando nessuno se lo aspetta. E da voi nessuno si aspetta nulla.”

E poi un passaggio sui festival “sono importanti soprattutto perché aggregano e non perché insegnano qualcosa. Sappiate che in questo mestiere sì è soli, non affannatevi per avere successo adesso, è importante che lavoriate per fare cose importanti per voi, ma senza chiasso”.

Ad ascoltare Veronesi c’erano anche i sindaci di Nova Siri, Eugenio Stigliano,  Rotondella, Vito Agresti,  Colobraro, Andrea Bernardo, Tursi, Giuseppe Labriola, e Valsinni, Gaetano Celano. Il project manager dell’Area Programma Metapontino/Basso Sinni Nicola Castronuovo, il sen. Cosimo Latronico e l’on. Carlo Chiurazzi. E a sorpresa è arrivato anche l’attore lucano Antonio Petrocelli, che ha collaborato con Veronesi ai tempi di Francesco Nuti, che ha voluto dare il suo personale benvenuto in Basilicata al regista toscano.

Molto attenti e partecipi sono stati  anche alcuni dei filmmakers provenienti da tutto il mondo che seguono il festival, tra i quali Noor Zaib (Pakistan), Maggie Sargent e Lou Gourgitano (South Carolina USA), Ana Prefeito (Portogallo), Clarice Ernest QueiroZ e Daniel Floresta (Brasile), Lillian Ngugi e Samuel Oluoko (Kenya). Alcuni di loro sono intervenuti per ringraziare CinemadaMare perché ha consentito loro di venire in Italia, per alcuni è stato il primo viaggio in Europa, e incontrare tanti altri giovani che condividono la stessa passione: l’amore per la settima arte. Una passione si sprigiona ogni giorno per le vie e le piazze di ogni tappa e che la popolazione tocca con mano grazie alle produzioni realizzate per concorre alla Weekly Competition (la competizione settimanale che prima il miglior film realizzato durante ogni tappa del festival e che da quest’anno è decretato dalla giuria popolare).

Mercoledì 13 agosto, in piazza Massimo Troisi, si continua con la seconda serata dedicata a Pier Paolo Pasolini con la proiezione del pluripremiato docufilm “Un intellettuale in borgata”, di Enzo De Camillis, ospite della rassegna che introdurrà alla visione. Per la Main Competition saranno proiettati: “Tobacco burn” di Justin Liberman (Usa), “Body pieces” di Maxime Derevianko (Italia), “Hunger in India” di Neerav Doshi (India) e “Hasta Santiago” di Mauro Carraro (Italia). Il vincitore della Main di lunedì, che stacca un biglietto per la finale del 16 agosto, è Malak, dell’italiano Luciano Schito.

 

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*