Tappa a Matera per CinemadaMare

Matera cinema

CinemadaMare arriva a Matera per incontrare il sindaco della città Raffaello De Ruggieri, per una tappa di avvicinamento a Matera 2019.

Dopo una settimana intensa, ricca di emozioni e grandi ospiti che ha visto l’importante presenza del regista americano Abel Ferrara a Nova Siri, la carovana di CinemadaMare si sposta nella città dei Sassi per il “CinemadaMare DayTrip”. Un viaggio nella Capitale Europea della Cultura 2019 per far conoscere ai tanti filmmakers provenienti da tutto il mondo, e ospiti del festival, una delle città più belle del mondo. I giovani cineasti avranno così la possibilità di girare una clip su Matera con immagini importanti al fine di eventuali e future produzioni cinematografiche, in una location naturale e affascinante che ha già stregato molteplici e affermati registi che hanno deciso di girare lì i loro film (Pasolini, Rosi, Tornatore e Gibson, per citarne alcuni). I filmmakers hanno già conosciuto il capoluogo di provincia dalle parole del poeta e comico materano Roberto Linzalone, ospite della rassegna a Nova Siri il 17 agosto durante la serata dedicata proprio a Matera 2019.

Per il direttore di CinemadaMare Franco Rina: “Così come previsto il 21 e 22 agosto tutti i nostri filmmakers saranno a Matera accompagnati ufficialmente da noi, ma già da qualche giorno alcuni di loro sono stati nella città dei Sassi per realizzare delle immagini e prendere confidenza con la nostra Capitale del cinema. L’intento è quello di offrire alla città che si prepara al grande appuntamento del 2019 tutto ciò che CinemadaMare ha realizzato in termini artistici e di relazioni internazionali nel settore del cinema e della cultura. Matera entra integralmente nei programmi di formazione di CinemadaMare Basilicata”.

Una fermata nei Sassi dunque prima di risalire sul bus che porterà i filmmakers a Vercelli, dove vi resteranno per 10 giorni (23 agosto – 2 settembre). Qui gireranno i loro film per la Weekly Competition e avranno la possibilità di incontrare il noto regista Krzysztof Zanussi, già ospite di CinemadaMare da diverse edizioni.

Il tutto in attesa di conoscere il nome del vincitore dell’Epeo 2015 che sarà assegnato dalla giuria popolare ad uno dei sei film finalisti della Main Competition. A contendersi il titolo sono: “La smorfia” di Emanuele Palamara (Italia, 1630”), “An istant” di Gisela Pelaez (Argentina, 1106”), “Silent Love” di Giacomo Zanni (Italia, 359”), “Porsiemprejamon” di Ruth Diaz (Spagna, 24’), “Traviata” di Mercedes Arturo (Argentina, 1150”) e “The loyalist” di Minjii Kang (Sud Corea, 19′).

I premi speciali della Main Competition, invece, saranno assegnati dalla giuria tecnica composta dallo storico presidente Salvatore Verde, giornalista, autore e scrittore di cinema, coadiuvato da Salvatore Di Gregorio, poeta e naturalista, Antonio Grasso, giornalista e aforista, Milena Manicone, giornalista professionista, e Mary Padula, archeologa e conduttrice a BluTv.

Da segnalare la serata di mercoledì 19 agosto, quando in piazza Massimo Troisi i filmmakers hanno potuto ascoltare un’interessante presentazione del libro “Il cinema sinestetico di Stanley Kubrick” del regista e scrittore lucano di Salandra Gianni Saponara. Un testo intrigante che proietta Saponara a livello nazionale come esperto e scrittore di cinema con un lavoro meticoloso e affascinante che analizza le pellicole del noto maestro statunitense, considerato tra i più grandi di tutti i tempi.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*