Reparto Dialisi: Interviene anche il sindaco di Pisticci

Scritto da Emmenews on . Postato in Cronaca

Sembra non fermarsi la querelle sull’opportunità di lasciare il reparto Dialisi nell’ospedale di Tinchi oppure pensare di trasferirlo in quello di Policoro.

Questa volta ad intervenire è il sindaco di Pisticci, nonché medico, Vito Di Trani, che, in una lettera, ha risposto al primo cittadino di Policoro, Rocco Leone, colui che, nei giorni scorsi aveva sollevato la questione del trasferimento del reparto a causa della mancanza del reparto di Rianimazione nell’ospedale pisticcese .
Non Le nascondo la costernazione – scrive Di Trani – quando leggo che a giustificazione della Sua richiesta cita un evento luttuoso del quale ha avuto notizia attraverso la stampa e che in nessun modo può essere collegato all’assenza del reparto di Rianimazione.
Per avere contezza dell’accaduto mi sono recato presso il Reparto Dialisi di Tinchi dove ho incontrato direttamente i colleghi che, insieme al personale paramedico, assistono con perizia e professionalità decine e decine di pazienti, alcuni dei quali da circa venti anni.
A loro va tutta la nostra ammirazione e riconoscenza.
Al fine di evitare confusione, possibili speculazioni e per rassicurare chi legge voglio ricordare, – continua il primo cittadino di PIsticci – in primo luogo a me stesso, che mentre la rianimazione è l’insieme delle manovre adottate dal personale medico e paramedico al fine di riportare in vita un paziente in arresto cardiaco ad esempio, il Reparto di Rianimazione consente il ricovero del malato per stabilizzare il risultato conseguito con il primo intervento.”
Nel Reparto di Dialisi di Tinchi – afferma il sindaco – le manovre di rianimazione sono state eseguite dal medico di turno e continuate dai medici dell’Elisoccorso.
Giova ricordare che cinque giorni prima un altro paziente emodializzato è stato rianimato in Reparto dopo un arresto cardiocircolatorio e che tutto il personale medico e paramedico dell’Unità Ospedaliera di Nefrologia e Dialisi svolge esercitazioni di rianimazione cardio-polmonare avviate in data 25/02/2010 e condotte dal dottor Mazzarella, anestesista rianimatore dell’Ospedale di Policoro con cadenza mensile (ultimo giovedì del mese).
Non è il caso di stabilire se Policoro è più centrale rispetto a Tinchi in un ipotetico bacino di malati che si recano al centro Dialisi.
Non sto qui ad elencare fatti e dati statistici che Lei già conosce, non è questo il luogo di una elencazione delle sedi dove sono presenti Unità Operative di dialisi pur in assenza di Reparti di Rianimazione: semplicemente i protocolli del sistema sanitario nazionale stabiliscono che i centri Dialisi, come quello di Tinchi, operano nel rispetto di tutti gli standard di sicurezza richiesti.”
L’aspetto sul quale mi preme richiamare l’attenzione è la concezione stessa della rete ospedaliera.
È mia convinzione, – conclude – e della mia Amministrazione, infatti, che tutte le strutture ospedaliere della nostra provincia debbano aver un proprio ruolo, fondare la loro ragione di essere sulle necessità del territorio e sulla capacità di offrire servizi ai cittadini sia in termini di diagnostica che di assistenza e cura.
Da sempre sosteniamo la necessità di un sistema capace di esaltare le peculiarità territoriali oltre ogni tentativo di strumentalizzazione a fini campanilistici.
Egregio Sindaco, il popolo pisticcese, assiste da anni alla spoliazione del nosocomio di Tinchi, dal quale interi reparti sono stati trasferiti a Policoro. Avremmo dovuto, per questo, alzare le barricate?
Non ci abbiamo mai pensato perché è nostra convinzione che una struttura efficiente a Policoro debba essere considerata patrimonio dell’intero Metapontino così come quella di Tinchi”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 628volte!

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto