A Matera la mostra “Made in Usa by Andy Warhol”

Template by Pixartprinting
Template by Pixartprinting

Offrire ai più giovani la possibilità di ammirare dal vivo alcune delle più note opere dell’artista simbolo della Pop Art : Andy Warhol. E’ questo l’intento della Fondazione Sassi che apre gratuitamente alle scuole di ogni ordine e grado la mostra Made in Usa by Andy Warhol.

La retrospettiva, a cura del critico d’arte Graziano Menolascina, sarà aperta al pubblico dal 26 febbraio al 26 marzo 2017 alla Fondazione Sassi – in via San Giovanni Vecchio n.7 nel rione Sasso Barisano a Matera – dal lunedì al giovedì dalle ore 12 alle 18; dal venerdì alla domenica dalle 10 alle 18 orario continuato.

Per le scuole, oltre all’ingresso, è prevista anche la visita guidata gratuita. Per ulteriori informazioni, si può visitare la pagina del sito della Fondazione Sassi dedicata alla mostra: http://www.fondazionesassi.org/evento/made-usa-by-andy-warhol/

Per prenotare le visite : chiamare il numero: 0835 333348 o inviare una mail all’indirizzo di posta elettronica: info@fondazionesassi.org

« Sin dalla sua costituzione, nel 1990, la Fondazione Sassi ha prestato particolare attenzione ai giovani – afferma il presidente della Fondazione Sassi Vincenzo Santochirico – è stata anche sede delle preselezioni interregionali per accedere ai Collegi del Mondo Unito, gli studentati internazionali che fanno dell’educazione una forza per unire i popoli, le nazioni e le culture per la pace ed un futuro sostenibile. Un cammino che vogliamo proseguire insieme alle istituzioni scolastiche, ed è a loro che ci rivolgiamo per invitare docenti e alunni a raggiungerci per questa prima mostra. Sarà l’occasione per conoscere, nel trentennale della morte, le opere di Andy Warhol e per approfondire una corrente artistica, la Pop Art, che ha segnato un’epoca ».

Made in Usa by Andy Warhol, a cura di Graziano Menolascina, è organizzata dalla la Fondazione Sassi in collaborazione con le gallerie d’arte Formaquattro di Bari e Restelliartco di Roma e la Iemme Edizioni.

“La retrospettiva presenta un percorso completo di tutto il lavoro svolto nella carriera dell’artista – spiega il critico d’arte Graziano Menolascina – che va dalla serie delle polaroid, alla serie delle icone e i ritratti, tutti gli oggetti e i manifesti pubblicitari, la serie degli strumenti musicali e i vinili utilizzati e realizzati per e dalle grandi Pop Star come Michael Jackson, Rolling Stones e Liza Minnelli. La coloratissima serie dei Flowers e degli Space Fruit, la fantomatica serie di personaggi dei fumetti I Myths, sino agli intramontabili Self Portrait. L’utilizzo di colori accesi e contrapposti, l’esaltazione di idoli rappresentativi in uno schema che si può riassumere nei concetti base di bellezza-potere-moda, il consumismo, la ripetitività, l’arte di Andy Warhol è insomma la raffigurazione di un’epoca attraverso le sue immagini chiave. Andy Warhol, con la sua personalità e con la sua immagine, rifletteva i desideri della cultura consumistica americana e la sua opera non è altro che un prolungamento coerente con tutto questo. Le sue serigrafie in serie di personaggi famosi o di prodotti di largo consumo diventano il manifesto di un’attenzione maniacale all’immagine, all’apparenza, e soprattutto sfidano sfacciatamente il mondo dell’arte tradizionalmente intesa”.

Post correlati