Consiglio comunale aperto contro la soppressione della commissione invalidi civili a Policoro

consiglio comunale ospedale

“La Commissione Invalidi Civili di Policoro è essenziale per un territorio ad alta densità di popolazione: un bacino importante come quello del Metapontino non può essere depauperato di uno strumento così socialmente rilevante”.

A dichiararlo, l’Assessore alle Politiche Sociali e Sanità di Policoro, Livia Lauria che, insieme all’Amministrazione Comunale tutta, sta per portare in discussione, nella seduta del prossimo consiglio comunale previsto per mercoledì 22 ottobre, un ordine del giorno per dire no all’impoverimento del territorio della costa ionica di uno sportello importante dove afferiscono persone con gravi deficit fisici e sensoriali.

“Considerato che – si legge nella proposta deliberativa – in data 7 ottobre 2014, la Regione Basilicata e l’INPS Direzione Regionale Basilicata hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa stabilendo che (…) a decorrere dal 1° novembre 2014, in via sperimentale e per un periodo di un anno (…) le attività di accertamento sanitario si svolgeranno nei locali delle strutture INPS operanti nei Comuni di Potenza, Matera, Melfi e Lagonegro” (…), lasciando fuori le due strutture di Marsico Vetere – Villa D’Agri e Policoro, che di fatto, hanno svolto una funzione insopprimibile rispondendo alle istanze di un bacino d’utenza di circa 100.000 abitanti”.

“Non è una sterile lotta di campanile – prosegue Lauria – perché nella proposta di delibera che andiamo ad adottare in Consiglio Comunale parliamo anche di contrasto con la geografia della nostra regione, a vantaggio solo di alcune aree, soprattutto se nella motivazione del Protocollo d’Intesa si parla di riorganizzazione dei processi di invalidità civile con la necessità di una maggiore vicinanza del servizio all’utenza”. “Un disagio inaccettabile nei confronti di quei cittadini che, già gravati da una situazione di grave impedimento fisico, sono costretti ad affrontare lunghi ed estenuanti viaggi per vedersi riconosciuti i propri diritti”.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*