Calcio: la cronaca di Marconia- Vultur


Aurora Marconia-Vultur Rionero 0-1


Aurora: Lattanzi, Natuzzi, Tucci, Sportelli, Centrone, Cati, Verri, Ricchiuti (22′ s.t. Donadio), Moscara, Motti, Douglas (18′ s.t. Galileo). A disp. Parisi, Adorisio, Iannuzziello, De Mare, Galileo, Moro, Donadio. All. Danza
Vultur: Castelgrande, Vena, Larotonda, Sabatiello, Corbo, Maiorino, Barbaro, G. Sarnataro, Valenza, Sacco, Eterno. A disp. Zucale, M. Sarnataro, Virgilio, Falaguerra, Gioia, Romano, Imparato. All. Ceruzzi.
Arbitro: Berardone di Moliterno.
Reti: 39′ s.t. Corbo.
Seconda sconfitta interna consecutiva per l’Aurora di Franco Danza che al cospetto dei propri tifosi non riesce a fare punti.
Dopo l’Angelo Cristofaro, questa volta a portare a casa la piena posta in palio è stata la Vultur, capace di passare a 6′ dalla fine grazie ad un punizione di Corbo.
Più in generale, però, la gara non ha offerto grandi spunti a conferma che, forse, in casa, l’Aurora non riesce ad esprimersi come vorrebbe e come ha fatto domenica scorsa a Muro Lucano.
La cronaca è piuttosto scarna e deve limitarsi, oltre alla descrizione del gol vittoria di Corbo, ad una clamorosa occasione che l’Aurora ha saputo costruirsi a 2′ dalla fine quando Galileo, servito da Verri in contropiede, ha sfiorato il pareggio, negato da una splendida parata del portiere volturino, Castelgrande.
Per il resto, tanta noia e calcio champagne per una domenica messo in naftalina.
Ai padroni di casa è mancato non solo il guizzo in attacco, ma anche e soprattutto l’idea a centrocampo, proprio il reparto che, invece, ha consentito alla Vultur di mostrarsi squadra più matura, anche se il pareggio sarebbe stato più giusto.
Piero Miolla 

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*