Calcio a 5: la Libertas Eraclea superata dalla Carlisport Cogianco

libertas

La Libertas Eraclea non riesce nell’impresa di fermare la corazzata Carlisport Cogianco che espugna il Palaercole e porta a casa tre punti pesanti in vista della corsa per la vetta della classifica del girone B del campionato di serie A2 di calcio a 5.

Finisce quattro a due per i laziali la sfida di Policoro, una vittoria costruita nei primi minuti del secondo tempo e condizionata anche da qualche svista arbitrale di troppo.

La Cogianco parte subito forte, cercando già al primo minuto la sortita vincente; Paulinho centra la traversa.

I laziali ci provano ancora; le parate di Taibi, non al massimo della forma ma sempre presente in ogni azione, riescono a neutralizzare le giocate avversarie.

Dall’altro lato i padroni di casa si fanno avanti, mettendo a rischio la porta di Giannone prima con Bassani e poi con Zancanaro.

[tubepress video=DH-g3eZ5W5w =embeddedWidth=”456″ embeddedHeight=”290″ showRelated=”false” title=”false”]

Al 14′ il Carlisporte centra il secondo legno della giornata, ancora con Paulinho; sul contropiede che ne scaturisce capitan Dartizio si presenta davanti all’estremo difensore laziale ma il suo tiro centrale viene agevolmente rinviato.

Passano pochi secondi e la Libertas sigla il primo gol di giornata: tocco di Dipinto per Bavaresco e il suo tiro rasoterra passa tra i piedi di tre giocatori della Cogianco, finendo nella porta avversaria.

Gli ospiti non ci stanno e riprendono l’assedio alla porta rossonera che Taibi continua a difendere con la solita grinta, salvando in più occasioni il prezioso vantaggio.

Altri interventi importanti sono quelli di Dartizio e Dipinto, che riescono a sventare gli assalti laziali.

Si va negli spogliatoi con l’esiguo vantaggio rossonero e le tante occasioni create dalla Carlisport, sempre in partita.

E la determinazione degli ospiti viene subito fuori nei primi secondi della ripresa: nel giro di due minuti la Cogianco si riporta in parità e realizza altre due reti, mettendo una seria ipoteca sul risultato finale…

La prima rete arriva al 2′ con Everton appollaiato sotto rete e bravo a buttare dentro il lungo suggerimento di Paulinho.

Passano solo 45 secondi e il copione si ripete con lo stesso schema; Everton concede il bis, servito questa volta da Borsato.

E al 4′ arriva la terza segnatura che porta la firma di Borsato, che realizza a porta vuota dopo una cavalcata solitaria.

La Carlisport non sembra ancora sazia; Taibi esce in più occasioni dalla sua porta ma accusa il colpo ed è costretto a lasciare il suo posto al giovane Bello.

Ma la Libertas c’è e tenta di accorciare le distanze, provandoci prima con Zancanaro e poi con Bassani e Bavaresco.

Mister Bommino gioca anche la carta del portiere di movimento che dà maggiore fluidità al gioco; si presenta in avanti anche Dipinto ma la porta sembra stregata e i rossoneri non riescono a trovare il varco giusto per riaprire la gara.

Al 14′ l’episodio decisivo per la Carlisport: capitan Dartizio viene espulso per doppia ammonizione;  la Libertas difende con i denti ma gli ospiti approfittano della superiorità numerica e realizzano la quarta rete con Texeira.

Gli jonici non accusano il colpo e vanno ancora in avanti, pericolosissimi con Amendolara e Bassani, che sfiorano la rete.

Dall’altro lato la Carlisport prova in più occasioni a chiudere i conti sfruttando la porta vuota rossonera, ma deve “accontentarsi” del terzo palo di giornata.

Al 19′ matura il definitivo quattro a due grazie al gran tiro di Zancanaro, utile ormai solo ai fini statistici.

La sirena finale sancisce la vittoria della Carlisport che con venti punti ritorna a dire la sua in vetta alla classifica; la Libertas resta ferma a 13 punti e a metà classifica, superata però dall’Acireale vittorioso sul Rossano.

A fine gara i commenti di mister Bommino e di Taibi Prando che, secondo voci di corridoio, potrebbe lasciare la Libertas per completare la stagione con l’Atletico Belvedere a cui arriverebbe con la formula del prestito.

 

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*