Approvato regolamento uso marchio “Pastizz R’tunnar”

Pastizz-e-forno-tradizionale-456x303

Dopo il recentissimo deposito del marchio “U Pastizz ‘R’tunnar” presso la Camera di Commercio di Matera, la Giunta comunale di Rotondella ha approvato il Regolamento per il suo utilizzo, il Disciplinare di produzione ed il logo con la modalità tecniche di applicazione.

Il tutto rientra nel quadro delle iniziative di valorizzazione e promozione dei prodotti tipici locali e l’Amministrazione comunale ha inteso – come si legge nella stessa delibera –  “assicurare tutela e riconoscibilità ad uno dei più caratteristici prodotti alimentari espressi dalla tradizione culinaria locale”.

Si va così dal marchio al logo identificativo che propone al suo interno alcuni elementi base dell’identità della comunità rotondellese.

L’applicazione del Regolamento d’uso del Marchio ed  il Disciplinare di produzione sono elementi necessari per regolamentare la promozione del “Pastizz” al quale dovranno fare riferimento le aziende che intendono ottenere la licenza d’uso per produrre e commercializzare il tradizionale prodotto da forno che ha ottenuto il riconoscimento di prodotto Agroalimentare Tradizionale da parte del Ministero delle Politiche Agricole ed è inserito nell’elenco nazionale.

Su disciplinare d’uso e modalità di utilizzo, l’assessore Vincenzo Montesano ha promosso diversi incontri con gli operatori economici locali (titolari di ristoranti, panifici, etc) e con i rappresentanti delle associazioni di categoria.

Il marchio ed i Disciplinari insieme ai materiali divulgativi a stampa realizzati dall’Alsia, verranno presentati a Rotondella il 14 agosto (Sala consiliare “A. Bianco” – Ore 19.00) in occasione della I edizione della Sagra del “Pastizz R’tunnar” con l’intervento del sindaco del centro jonico Vincenzo Francomano, dell’assessore alle politiche agricole Vincenzo Montesano che ha promosso l’intervento di valorizzazione del prodotto, del presidente della Camera di Commercio di Matera Angelo Tortorelli e dell’assessore regionale all’agricoltura Nicola Benedetto.

Foto internet

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*