Aggredisce brutalmente la compagna, arrestato dai Carabineri

DSC03304

I Carabinieri di Policoro, supportati dai colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Policoro, dopo immediate e prolungate ricerche nei territori dei comuni di Ferrandina e Policoro, hanno tratto in arresto S.P. (classe 1966), censurato, nella flagranza dei reati di lesioni personali aggravate, danneggiamento aggravato e violenza privata, tutti delitti consumati in danno della convivente, una donna residente a Policoro.

La brutale aggressione è scaturita alle ore 05.30 circa di venerdì lungo la Statale 7 Matera – Ferrandina, allorquando la coppia si stava recando in Ferrandina dopo aver trascorso una tranquilla serata nella Città dei Sassi.

Per futili motivi connessi a fattori di gelosia, l’arrestato ha aggredito con schiaffi e pugni al viso la propria convivente mentre quest’ultima era alla guida della sua utilitaria, costringendola ad arrestare la marcia ed a sostare in una piazzola di sosta. Vani i tentativi della donna di calmare il suo aggressore che ad un certo punto, fuori controllo, l’ha colpita nuovamente alla testa, verosimilmente con una chiave, provocandole una ferita lacero contusa.

Successivamente, dopo essersi allontanato e poi riavvicinato all’autovettura della donna che  ha danneggiato con calci e pietre in preda ad una violenza incontrollata, ha anche sferrato all’indirizzo della compagna un ulteriore colpo con una pietra ad uno zigomo, provocandole un fortissimo trauma facciale.

A quel punto la donna in preda alla totale paura, ha provato a chiamare i Carabinieri sull’utenza 112, tentativo che ha ripetuto diverse volte a causa del disturbo creatole dall’uomo, che le ha anche sottratto il cellulare per impedirle di allertare i soccorsi. Solo in quel frangente la vittima ha deciso di darsi alla fuga con la propria autovettura, lasciando l’uomo lungo la stada.

Una volta giunta a Policoro, ferita e sconvolta, ha nuovamente contattato dalla propria abitazione i Carabinieri che questa volta hanno avuto la possibilità di raccogliere dettagliatamente la sua inquietante testimonianza relativa all’aggressione subita, inviando presso la sua abitazione personale del Comando Stazione Carabinieri di Policoro, anche per scongiurare eventuali ulteriori aggressioni a suo carico ed allertando le altre pattuglie dell’Arma operanti in Ferrandina e Policoro per le ricerche dell’uomo.

Inoltre, personale in abiti civili ha accompagnato la donna in tutta sicurezza presso l’Ospedale Civile  di Policoro dove quei sanitari riscontrando le lesioni patite, la giudicavano guaribile in quindici giorni.

Successivamente, personale del Nucleo operativo e Radiomobile della Compagnia di Policoro supportato dai militari della Compagnia Carabinieri di Pisticci, ha rintracciato  l’uomo  presso la propria abitazione ubicata in Ferrandina, all’interno della quale è stati rinvenuto il telefono cellulare sottratto con violenza alla convivente.

Vista la gravità dei fatti, il quarantasettenne è stato tratto in arresto nella flagranza dei  reati di lesioni personali aggravate, danneggiamento aggravato e violenza privata ed espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica di Matera, Annafranca Ventricelli.

L’immediato e qualificato intervento dei militari operanti ha consentito, quindi, la dettagliata ricostruzione dell’intera vicenda delittuosa, denunciata dalla vittima, dopo le cure dei sanitari, presso gli uffici del Comando Stazione di Policoro, nonché di individuare ed assicurare il responsabile nella flagranza dei sopra citati reati.

La vicenda certifica nuovamente lo straordinario impegno dell’Arma nell’intensificazione dell’attività di repressione del fenomeno delle violenza di genere in questa giurisdizione.

 

Compagnia Carabinieri Policoro

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*