Sos Costa Jonica: “Nessun accanimento, solo domande agli enti pubblici”

Piano dei Lidi-AreaSalvamento

Il referente del Comitato “Sos Costa Jonica” replica al comunicato della Società Nazionale di Salvamento di Metaponto.

“Desideriamo tranquillizzare – si legge nella nota – il presidente della sezione di Matera della Società Nazionale di Salvamento sull’assenza da parte del Comitato Sos Costa Jonica di atteggiamenti persecutori nei confronti dell’associazione  e dei volontari, e la dimostrazione è data dal fatto che negli anni scorsi nessuno ha avuto da ridire sul servizio prestato a Metaponto

Il Comitato Sos Costa Jonica fin dalla sua nascita ha svolto una funzione di amplificatore, assumendosene sempre le responsabilità, ai tanti che chiedevano chiarimenti o delucidazioni alle istituzioni lucane partendo dalla situazione delle spiagge di Metaponto e di Scanzano e spaziando successivamente su tematiche diverse.

Da oltre tre anni, infatti, chiediamo notizie alla Regione Basilicata sul mancato rispetto di delibere regionali riferite ai danni che la costruzione dei porti Argonauti e Marinagri potevano arrecare alle spiagge di Metaponto e Scanzano.

Successivamente ci siamo occupati, collaborando con altri comitati o singoli cittadini, della crescita delle discariche per i rifiuti, delle pseudo centrali a biomassa, dell’inceneritore, camuffato da gassificatore, che si vuole costruire a Metaponto, delle problematiche legate alle trivellazioni, del deposito di scorie nucleari che si sta costruendo a Rotondella ed altre tematiche legate alla nostra regione.

Quest’anno a causa dell’assenza di spiaggia, e del mancato ripascimento in zona Laghetto-Masseria di Metaponto, l’Agenzia del Demanio ha revocato quattro concessioni e, nello stesso periodo, la Forestale nel riperimetrare l’area per salvaguardare, giustamente, la riserva bloccava l’accesso alle auto in quella zona con spostamento verso altri lidi (generalmente zona 48 e San Basilio di Pisticci) di coloro che negli anni passati si recavano al mare in quelle spiagge.

Contemporaneamente a Metaponto Lido nell’area concessa alla Società Nazionale di Salvamento, per effettuare il servizio prestato negli anni precedenti, vengono posizionati anche ombrelloni e un chiosco-bar.

Questi due avvenimenti, di fatto, fanno diminuire la spiaggia libera a Metaponto e come Sos Costa Jonica rendiamo pubblico l’accaduto chiedendo delle risposta agli organi regionali.

Nel caso del mancato ripascimento della zona Laghetto-Masseria anche il sindaco di Pisticci Di Trani, fa sue le nostre osservazioni e chiede notizie in merito alla Regione Basilicata.

Non avendo avuto nessun riscontro al nostro primo comunicato abbiamo rinnovato le domande agli uffici regionali per ciò che riguardava l’area data in concessione alla Società di Salvamento.

Apprezziamo le precisazioni del presidente della sezione di Matera della Società Nazionale di Salvamento, De Mola, riferita al lavoro svolto dai volontari, al soccorso fatto a due bagnanti in difficoltà e alla mancanza di utilizzo di fondi pubblici per il servizio prestato.

Le osservazioni sulle colonnine sos e sulla cartellonistica erano dettate da normale buon senso.

Ci restano dei dubbi sul rispetto delle indicazioni del Piano dei Lidi che potranno essere chiariti tranquillamente, se vorranno, dai funzionari regionali.

Per tutto ciò che riguarda invece gli altri eventuali abusi presenti sul litorale metapontino siamo disponibili, sin da ora, a fare insieme un lavoro di monitoraggio e segnalazione alle autorità competenti di tutte le presunte situazioni non regolari”.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*