Sabato una giornata di raccolta rifiuti presso la foce del Cavone

RifiutiArenile

Nella mattinata di sabato 2 aprile, alle ore 9:30, alcune associazioni del territorio promuovono una giornata di volontariato a Marina di Pisticci, finalizzata alla raccolta di rifiuti lungo l’arenile nel tratto di San Basilio, dove la piena del fiume, determinata dalle ultimi forti piogge, ha depositato vegetazione (cannucce) mista a rifiuti, in alcuni casi speciali (oli, bombole di gas, elettrodomestici, serbatoi metallici), anche derivanti dall’attività agricola (tubi di irrigazione, box in polistirolo). Una vera e propria bomba ecologica, che rischia di scoppiare a poche settimane dall’avvio della stagione balneare.

La proposta è di intervenire nella “zona rossa”, così definita da Legambiente Pisticci in seguito ad un sopralluogo effettuato la scorsa settimana, ovvero quella più prossima alla foce del fiume Cavone; un’area di circa 6500 mq a forte valenza naturalistica, dove la quantità di rifiuti è maggiore e sulla quale non esistono concessioni a privati che potrebbero farsi carico dell’intervento di pulizia dell’arenile.

L’area, inclusa nella rete ecologica Natura 2000, istituita dall’Unione Europea per garantire la conservazione degli habitat naturali e della biodiversità, non è nuova a episodi del genere. E in passato, nulla è stato fatto per porre rimedio alle situazioni determinatesi in circostanze simili. In considerazione di tutto ciò, è nata l’esigenza di mettere in atto tempestivamente delle azioni in grado di mitigare l’impatto ecologico che potrebbe derivare ad esempio da un incendio o da una mareggiata.
L’iniziativa non vuole essere risolutiva di un problema, perché tocca agli enti di competenza provvedere alla risoluzione dell’emergenza e programmare azioni tese a ridurre i rischi futuri, ma è l’occasione per mantenere alta l’attenzione e richiamare i soggetti competenti alle loro responsabilità. Ad essi si rivolge nuovamente la richiesta di interventi urgenti lungo l’arenile di Marina di Pisticci, e di controllo delle attività di pulizia, affinché chi opera rispetti le regole e si faccia carico dell’intera filiera dei rifiuti che gli compete.

Le associazioni promotrici – Legambiente Pisticci, Movimento Azzurro/Ecosezione delle Murge, Mp3 e Allelammie – che invitano tutte le altre realtà e i cittadini del territorio a prendere parte alla giornata di volontariato, intendono solo dare un piccolo contributo, rimuovendo esclusivamente i rifiuti più pericolosi. Per il resto, considerando la ciclicità del fenomeno, toccherà alle istituzioni attuare un’adeguata attività programmatica finalizzata ad evitare in futuro nuovi scempi del genere.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*