Rotondella aderisce all’Associazione "Città dell’Olio"

Scritto da Emmenews on . Postato in Cronaca

Con voto unanime, il Consiglio comunale di Rotondella, ha approvato il documento di adesione all’Associazione Nazionale “Città dell’Olio” che fa parte del progetto “Res Tipica” promosso a suo tempo dall’Anci in collaborazione con le Associazioni Nazionali delle Città di Identità per la promozione delle identità territoriali. 
L’Associazione “Città dell’Olio”, fondata nel dicembre del 1994 a Larino, in provincia di Campobasso, può contare sull’adesione di Comuni, Provincie, Camere di Commercio ed altri enti territoriali come espressioni di aree dove esiste una consolidata tradizione olivicola.

Ad oggi, – spiega una nota del Comune di Rotondella –  sono oltre 300 gli enti iscritti localizzati in 17 regioni, “operanti in modo concorde e coordinato per il comune obiettivo di valorizzare l’ampio e vario patrimonio olivicolo italiano”.

A relazione sulle finalità dell’Associazione (che sta radicandosi anche in Basilicata con l’adesione dei Comuni di Ferrandina, Montescaglioso, Montalbano Jonico e Pisticci) è stato l’agronomo Vincenzo Montesano, assessore alle Politiche agricole del centro jonico, il quale ha sottolineato come da sempre l’olivicoltura rappresenta un segmento importante dell’economia locale che potrebbe trovare nell’immediato futuro una sua forte espansione nella zona collinare non mancando di evidenziare i riconoscimenti ottenuti di recente dall’Oleificio Trisaia di Giuliana Laguardia e Nicola Suriano (secondo classificato alla rassegna Ercole Olivario 2011 a Spoleto e Premio Olivarum 2012 in Basilicata).

Il Comune di Rotondella, programmerà in futuro una serie di iniziative destinate alle scuole, alle comunità dell’area e ai produttori. 
Da segnalare, al momento, l’interesse che sta riscuotendo in varie realtà il progetto di educazione alimentare dei bambini (denominato Bimboil) dell’Associazione “Città dell’Olio” nonché, da parte della stessa, “di un innovativo strumento volto a qualificare l’offerta di oli extravergine nei ristoranti e la Carta degli Oli Dop che rappresentano l’eccellenza della produzione olivicola italiana.
Commenti

Questo articolo è stato letto 532volte!

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto