Reflui Tecnoparco: “Chi certifica e controlla i dati che fornisce Eni?”

valbasento

Attraverso un comunicato stampa, il Fap, Forum Ambientale Permanente del Comune di Pisticci, commenta le dichiarazioni dell’Eni relative alla vicenda dell’analisi dei reflui trattati nello stabilimento Tecnoparco della Valbasento.

“In conseguenza degli ultimi avvenimenti – si legge nella nota – si evincono alcune rilevanti incongruenze riguardo alle dichiarazioni rese sulle stesse.

Giova  innanzitutto  specificare  che  il Radon 226 (RA-226)  è un elemento radioattivo naturale  che in concentrazioni elevate può determinare alterazioni a carico del Dna cellulare degli esseri viventi, uomo compreso, con conseguenti neoplasie.

Ciò  premesso  e  senza voler creare allarmismi non  si  riesce  a comprendere  come  mai  l’Eni in un suo comunicato stampa del 17/11/2014 abbia  affermato: “è sempre stata verificata l’assenza di livelli di RA-226 nelle acque di produzione e di ogni altra anomalia radiometrica variabile”.

L’affermazione stupisce non poco in quanto giorni prima Arpab nella relazione che illustrava le risultanze delle analisi effettuate su diverse matrici tra cui campioni di acque di produzione prelevati dalle autocisterne provenienti proprio dal COVA di Viggiano rileva, tra l’altro,  attraverso analisi di spettrometria gamma un valore di 9,7 E-01 Bq/L (2.55 E-01 I.M.).

Tre le domande che ci poniamo e poniamo a coloro che dovranno assumere le decisioni a tutela della salute e dell’ambiente:

  1.  1.Se l’Eni sostiene sempre nel citato comunicato: “Da oltre 10 anni si svolgono controlli periodici, effettuati da un organismo di controllo certificato, sulle acque fossili per uso industriale e i residui che, pur contenendo radionuclidi naturali, non sono considerati radioattivi”,  mette in discussione i dati  di ARPAB?
  2.  2.Chi certifica e controlla i dati che fornisce Eni?
  3.  3.A chi si deve affidare la popolazione?

La nostra preoccupazione, infine, deriva non già dai valori relativi, ma dalle quantità che da anni giungono presso l’impianto di Tecnoparco Valbasento S.p.A. che, ricordiamo, non e fornita delle autorizzazioni AIA previste per il trattamento di sostanze radioattive”.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*