Un libro dedicato alle donne

copert. donne

L’universo femminile del territorio di Pisticci (e non solo) al centro della nuova opera di Giuseppe Coniglio dal titolo “Profili di donne. Storie di lavoro, coraggio e passione” che sarà presentata giovedì 7 agosto (ore 19,oo) presso la sala consiliare di piazza Umberto. E’ il giusto tributo di riconoscenza, che l’autore, anche a nome di tutta la comunità, conferisce con dignità di storia alle tante donne pisticcesi di nascita, di origine, di adozione, o che hanno avuto con Pisticci particolari collegamenti, e che si sono distinte nei vari ambiti della vita, dalla storia alla politica, dalla magistratura alla scuola,  dalla medicina all’imprenditoria, dal volontariato all’economia fino all’arte, cultura, musica e pubblica amministrazione.

L’autore passa in rassegna le biografie e l’attività, svolta da circa cento donne, mettendone in risalto anche la dimensione umana, oltre che quella più strettamente professionale. Con questa pubblicazione Giuseppe Coniglio porta a termine un preciso progetto editoriale, gia’  avviato lo scorso anno con il saggio “Pisticcesi illustri” ed offre alla cittadinanza uno spaccato storico inedito, riscoprendo e riproponendo storie avvincenti al femminile, molte delle quali ancora sconosciute, frutto di anni di intense e appassionate ricerche di archivio. Il saggio abbraccia circa mille anni di storia, partendo dalle regine e feudatarie nate a Pisticci, fino alle protagoniste dei nostri giorni, dando il giusto risalto a vere e autentiche protagoniste della società. Il nutrito programma dell’evento prevede i saluti del sindaco di Pisticci Vito Di Trani, del vice sindaco Domenico Albano, degli assessori Francesco D’Onofrio e Antonio Sassone e del vicepresidente della Provincia di Matera Angelo Garbellano. A seguire le relazione del medico e scrittore Nicola D’Imperio, delle prof.sse Amalia Mariano e Teresa Megale, Tiziana Silletti e della giornalista Rai Beatrice Volpe. Le conclusioni sono affidate all’autore. Nel corso dell’incontro intermezzi musicali e performance artistiche.

Post correlati

1 Commento

  1. Mi complimento con l’autore, per lo studio delle figure di Donne inserite nell’opera,certo, deve essere stato difficoltoso non inserire qualcuna di queste per ovvi motivi, ma ha pagato caro mettere nel calderone figure di banalita’ percepibile anche ai piu’ stolti rovinando i profili di coloro che realmente lasceranno l’esempio di qualiata’ nella nostra Societa’

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*