A Matera il progetto “I4Food”

logo-i4food_2-734x228

Il progetto I4Food, realizzato nell’ambito del Programma Interreg IVC con il cofinanziamento del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, si pone l’obiettivo di migliorare le politiche di sviluppo a favore delle industrie agroalimentari regionali competitive e sostenibili e di migliorare la competitività dell’industria alimentare delle piccole e medie imprese basandosi sullo scambio di Buone Pratiche a livello europeo.

Tra gli obiettivi specifici del progetto I4Food è prevista l’identificazione di Buone Pratiche basate sull’analisi delle industrie agroalimentari regionali allo scopo di far emergere il potenziale imprenditoriale delle industrie.

I Partner del progetto sono: l’Agenzia di Sviluppo Regionale del Transdanubio Meridionale (Ungheria) in qualità di capofila; la Provincia di Matera (Italia), in qualità di responsabile della comunicazione; Peacritt – Agenzia  per la Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico nel settore Agroalimentare (Francia); il Consiglio regionale della Karelia settentrionale (Finlandia); Centru Agenzia di Sviluppo Regionale (Romania); il Consiglio della Contea di Granada (Spagna). I partner del progetto in linea con gli obiettivi si sono incontrati tre volte nella prima metà del 2013 nella provincia di Granada (Spagna), nella regione del Sud Transdanubio (Ungheria) e nella regione Rhône-Alpes (Francia), per la realizzazione di visite di studio delle aziende che nei vari paesi hanno introdotto maggiormente nei loro processi innovazione e ricerca.

Nel rispetto della programmazione progettuale la Provincia di Matera (in collaborazione con l’Alsia – Agrobios) ha organizzato l’incontro dei partner a Matera il 3 e il 4 settembre per continuare le visite studio e per la presentazione delle Buone Pratiche a livello regionale.

La prima individuata legata agli aspetti della ricerca ed innovazione è rappresentata dal polo biotecnologico della Basilicata “Bio – green”, costituito dall’Alsia – Agrobios che si occupa di biotecnologie e cioè dell’utilizzo di derivati delle piante per la realizzazione di nuovi prodotti e di nuovi processi e che può essere annoverato come un esempio importante  di innovazione e trasferimento delle conoscenze a livello europeo. Il progetto del Polo coinvolge autorità locali, centri di ricerca regionali e nazionali ed imprese che si occupano di biotecnologie verdi a livello nazionale e locale.

La seconda Buona Pratica concerne l’accesso ai finanziamenti e ai mercati.

A tal scopo è stato presentato “il Distretto Agro-alimentare del Metapontino”, istituito con legge regionale nel 2006 per supportare e sviluppare il settore agro-alimentare attraverso attività di cooperazione internazionale.

Il distretto sostiene le imprese e gli enti pubblici interessati alla promozione e allo sviluppo della produzione nella zona metapontina.

Oltre alla presentazione delle due Buone Pratiche individuate, sono state realizzate la visita con i partner di altre realtà aziende agro – industriali della regione quali: Apofruit Italia, e Assofruit, Nicofruit e Coop. ValBasento, imprese di rilievo a livello nazionale ed internazionale nel settore della frutta e verdura fresca e lavorata nel Sud Italia;  F.lli Laurieri, azienda produttrice di una vasta gamma di biscotti dolci e salati; il Molino Dell’Acqua, impresa che si occupa della lavorazione del frumento macinato;  Agroalimentare Sud che tratta la trasformazione dell’orzo e la produzione di malti commercializzati a livello nazionale ed internazionale; Masseria Cardillo e Cantine del Notaio, azienda che valorizzano le produzioni rispettivamente del Matera Doc e l’Aglianico del Vulture unendo tradizione, innovazione, storia e cultura del territorio.

Il 5 settembre, a Matera, infine si è tenuto l’Infoday regionale del progetto a cui hanno partecipato i partner internazionali del progetto.

L’evento era diretto a un’audience regionale ed in particolare alle piccole e medie imprese del settore alimentare, rappresentanti delle Organizzazioni Datoriali, mondo della ricerca, ai cluster e alle organizzazioni di trasferimento tecnologico.

Dopo la presentazione del progetto I4Food ciascun partner ha descritto la propria organizzazione, il settore agro-alimentare della regione di provenienza e alcune delle Buone Pratiche individuate e presentate. All’evento hanno preso parte Teresa Andriani della Regione Basilicata, che ha illustrato le strategie della regione nel campo della ricerca e dell’innovazione e l’Assessore all’Agricoltura della Provincia di Matera Giovanni Rondinone che ha discusso dell’importanza del settore agro – alimentare per la Basilicata e del valore della conoscenza delle Buone Pratiche internazionali ai fini di un loro utilizzo nella pianificazione regionale.

Ulteriori informazioni sul progetto sono presenti sul  sito www.i4food.eu.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*