A Matera “Il Pifferaio di Hamelin”

Piffero1

Attori, burattini, trampolieri e mangiafuoco, per la chiusura della stagione teatrale dei più piccini, con la celebre favola dei Fratelli Grimm Il pifferaio di Hamelin.
Lo spettacolo dedicato ai bambini dai 3 anni in su, che il Consorzio Teatri Uniti di Basilicata presenta nella sezione Il teatro ricomincia dai bambini, andrà in scena a Matera sabato 11 aprile con sipario alle 17,00 al teatro Duni.

Il pifferaio di Hamelin, proposto nella trasposizione teatrale della compagnia Teatro Verde, è adatta a un pubblico per bambini dai 3 anni in su. Questo testo ha vinto i premi: Uccellino Azzurro-Molfetta 06 e Premio Silvia-Molfetta 2006.
La fiaba, nota anche con il titolo de Il pifferaio magico, è ispirata da un evento accaduto nella città tedesca di Hameln in Bassa Sassonia, nel XIII secolo.
Nella città di Hamelin vivere è diventato impossibile; la gente pensa solo a lavorare e ad accumulare soldi. Un giorno, un’invasione di topi mette a rischio la sopravvivenza dei cittadini. Un uomo con un piffero si presenta in città e propone di disinfestarla dai ratti; il borgomastro acconsente promettendo all’uomo un adeguato pagamento. Non appena il Pifferaio inizia a suonare, i ratti, incantati dalla sua musica, si mettono a seguirlo, lasciandosi condurre fino al fiume Weser, dove annegano. L’avido borgomastro, però, non rispetta i patti e questo scatenerà la vendetta de pifferaio. Una moglie esasperata, un esercito di topi sfaticati guidati da un re astuto e dispettoso, un mago pasticcione, un pifferaio coraggioso e un po’ ingenuo, un cancelliere fifone ma sincero, sono gli altri personaggi che popolano la nostra storia. Attraverso situazioni comiche e narrazioni attori, burattini, trampolieri e mangiafuoco coinvolgeranno il pubblico nella storia e i “bambini di Hamelin” insieme ai bambini presenti diventeranno i veri protagonisti dello spettacolo. Musiche originali, canzoni, luci, costumi accompagnano e “colorano” lo spettacolo.

Post correlati

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*