"Lo sport dal 1500 ad oggi":Se ne è discusso a Policoro


Tavola rotonda lunedì a Policoro, nella sala consiliare, per discutere della storia dello sport dal 1500 ad oggi. 
Ad organizzarlo l’Unione Nazionale Veterani dello Sport, con la collaborazioni del Coni e del comune di Policoro.
Diversi i relatori che hanno evidenziato quanto lo sport sia importante per la società e quanto lo sia sempre stato. 
Per Michele Barbone, componente della giunta del Coni, lo sport è tra i settori più floridi della nazione, con una grande capillarità di strutture riconducibili allo sport in ogni paese, anche quelli più piccoli. 
A Giovanni Bagaglia, ex direttore della biblioteca nazionale del Coni, il compito di spiegare la storia dello sport dai suoi albori con i frontespizi di libri storici della biblioteca nazionale del Coni di cui è stato direttore dal 1956 al 1982. 
Infine il terzo relatore, docente universitario di Bari di Filosofia Morale, Michele Indellicato, ha trattato la materia sotto il profilo etico: “Lo sport oggi non può prescindere dall’etica, in un mondo purtroppo caratterizzato da episodi di violenza. La cultura sportiva deve caratterizzarsi come biofila, amante della vita, e non necrofila, e deve poter trasmettere valori che devono connotare in senso etico, il “modus vivendi” e il “modus operandi” di ogni persona senza discriminazione alcuna. 
Lo sport deve essere ambasciatore di pace tra i popoli come capitato in passato in qualche circostanza”. 
Un saluto è stato portato dagli amministratori Otello Marsano e Mary Padula, i quali hanno sottolineato la grande capacità di aggregazione ed integrazione dello sport, le cui testimonianze sono visibili nelle tante attività che si svolgono in loco, a partire dall’aver ospitato come città di Policoro le fasi finali dei campionati studenteschi di vela per due anni consecutivi e nel 2011 anche quelle di orienteering. 
 Il convegno è stato coordinato da Franco Nola ed ha attribuito crediti formativi agli iscritti della facoltà di Scienza dell’Educazione dell’Università degli studi di Bari.

Post correlati

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*