Perde l’autonomia l’istituto agrario di Marconia?

Marconia
“L’Istituto Tecnico Agrario di Marconia, istituito negli  anni 1959/60, dal 1° settembre 2015 perderà la sua autonomia amministrativa e giuridica, con “annessione” al Liceo Classico “G. Fortunato” di Pisticci, ove saranno trasferiti gli Uffici e Presidenza.

Le autorità politiche e scolastiche di Pisticci non hanno saputo difendere una struttura storica di Marconia.”

Lo dichiara Pietro Raucci, direttore dei servizi generali amministrativi dell’Itas di Marconia.

“Conseguenze – continua Raucci –  7 posti di lavoro via, minor prestigio per Marconia, disagio per gli alunni e per le loro famiglie che se vorranno un certificato, parlare con il Dirigente Scolastico o con il Segretario dovranno recarsi a Pisticci.
Così ha deciso con ” superficialità e incompetenza” il Consiglio Provinciale nella seduta del 22 dicembre 2015, confermato con altrettanta “approssimazione e superficialità”  dal Consiglio Regionale nella seduta del 20 gennaio 2015.”
“E’ pur vero – si legge nella nota – che la legislazione impone alle provincie la soppressione della Presidenza e Uffici alle Istituzioni Scolastiche che contano meno di 600 alunni, però va altrettanto detto che la Direttiva emessa dalla stessa Regione Basilicata con delibera n. 1462 del 28/11/2014,  ammette la deroga  per quegli Istituti che sono ad “indirizzo specifico” ed “unico” in Provincia. L’Itas Marconia con le sedi di Matera e Garaguso Scalo costituivano l’unico presidio formativo nel settore agrario della provincia, quindi poteva mantenere la sua autonomia amministrativa.
Nel  momento in cui si sta lottando per il rilancio dell’agricoltura del Metapontino e dell’intera Provincia, unico settore trainante per l’economia, si penalizza la scuola che ha formato tanti tecnici nel settore agricolo, mettendone a rischio la sopravvivenza negli anni prossimi.”
“Tutte le motivazioni e anche le soluzioni tecniche, per mantenere in vita l’autonomia dell’ITAS a Marconia, sono state portate, con forza e determinazione dal direttore Raucci, al tavolo della conferenza di servizio tenutasi presso la Provincia di Matera il 18 dicembre, fra Presidente della Provincia, Consiglieri, Sindaci, Sindacati e Dirigenti Scolastici.”
“Sempre Raucci – fa sapere la nota –  ha cercato, invano, di far capire le ragioni  al presidente della Provincia, ha invocato l’aiuto e supporto del Sindaco Di Trani, ha implorato la difesa dell’ITAS da parte dei Consiglieri Provinciali Andrea Badursi e Rossana  Florio.
“Spaventa – conclude la nota  –  la posizione assunta dai sindacati di categoria, di non difesa dell’Istituzione  e dei lavoratori, in particolare  della stessa Cgil in cui il sottoscritto ha sempre creduto ed è stato anche dirigente provinciale.
Questa battaglia, condotta in modo aspra e solitaria da Raucci, potrebbe essere anche additata come una difesa di se stesso,  convinto che andava fatta,  peccato che è rimasto solo anche all’interno dell’Istituto cui pensa di aver dato il meglio in 25 anni di assiduo e continuato  servizio. “

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*