Legambiente Policoro contro la trivellazione dello Jonio


Il circolo Legambiente di Policoro ritiene assurdo concedere ancora concessioni per piattaformi petrolifere in mare.
Tutti siamo d’accordo nel dire che la nostra regione ha due risorse economiche importanti: turismo e agricoltura. 
Il nostro turismo è legato molto al Mar Jonio, pertanto, è necessario salvaguardarlo dagli assalti di chi vuole trasformarlo in un mare di guai per la flora e la fauna presente e per le popolazioni locali.
Quindi, ognuno nel proprio ruolo deve potersi impegnare a far sentire la propria voce per non rischiare di trovarci, come sempre, con un pugno di mosche in mano.
Atalproposito,vogliamorenderenoto,unadichiarazionefattadalvicepresidentenazionalediLegambiente,StefanoCiafani,ilqualehapresoparteaVenezia,il9novembre2012,allaConferenzainternazionaledelleRegioniadriaticheeioniche,sulla“SalvaguardiadellecostedelleRegionidelMareMediterraneodall’estrazionediidrocarburiinmare”, hasottolineatoche:«Cresceilprotagonismodeiterritoriedelleistituzionilocalicontrol’arrivodinuovepiattaformepetrolifereinmare. 
EemersalanecessitàcheilnostroPaeseescadalpetrolioedallefontifossili,comeauspicatodatantiannidallanostraassociazione,perarrivareaunsistemaenergeticobasatosurisparmio,efficienzaeproduzionedienergiadafontirinnovabili.
ContrariamenteaquantoprevistodallaStrategiaenergeticanazionaleindiscussioneinquestesettimane,che riapreconforzalastradaallaricercael’estrazionediidrocarburiinItalia,ponendoperilcontributodell’estrazionedalmareedaterraunobiettivodicrescitadal7al14%delfabbisognoenergetico.Unasceltaassolutamenteinsensata,ancheperchéleultimestimedelministerodelloSviluppoeconomicostimanoneinostrifondalimarinilapresenzadi10,3milioniditonnellatedipetroliodiriservecerte,chestandoaiconsumiattuali,coprirebberoilfabbisognonazionalepersole7settimane. 
Nonsolo:ancheattingendoalpetroliopresentenelsottosuolo,concentratosoprattuttoinBasilicata,iltotaledelleriservecertenelPaeseverrebbeconsumatoinappena13mesi. 
Ilsettore,insomma,èdestinatoaesaurirsiinpochianni>>.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*