L’Azienda Sanitaria di Matera assicura: “il servizio di Otorino a Tinchi tornerà immediatamente a pieno regime”

Scritto da Emmenews on . Postato in Cronaca

ospedale tinchi

L’Azienda Sanitaria di Matera replica alla nota del Comitato in difesa dell’ospedale di Tinchi e garantisce che il servizio di Otorinolaringoiatria tornerà a pieno regime già dalla giornata di mercoledì così come disposto dal direttore generale Piero Quinto.

“Dopo un breve periodo di riduzione delle attività – si legge in una nota dell’Asm –  causa la programmata assenza di alcuni giorni del medico otorino Giuseppe Martino, nonché
per l’utilizzo temporaneo a Policoro dell’audiometro di Tinchi (in attesa che lì vi fosse collocato il nuovo già ordinato da tempo), da mercoledì la attività di otorino riprende nella sua piena funzionalità.

Il tutto era avvenuto in condizioni di urgenza e necessità, senza averne dato notizia nemmeno alla Direzione aziendale.

In considerazione del ritardo nella consegna del nuovo audiometro a Tinchi, il responsabile della struttura semplice coordinamento distrettuale Metapontino-Collina materana, Vincenzo Amoia, su mandato urgente del direttore generale Pietro Quinto, ha proceduto all’immediato ripristino dello status quo ante, con la ricollocazione dello strumento a Tinchi, il
richiamo immediato in servizio del medico otorino Giuseppe Martino, la disposizione organizzativa in base alla quale il tecnico audiometrista lì presti la sua opera professionale per due giorni a settimana.

A Tinchi, dunque, da mercoledì i medici otorino Martino e Schiraldi -entrambi residenti a Pisticci- si alterneranno regolarmente per garantire le visite specialistiche, mentre il tecnico provvederà agli esami audiometrici (tonale, vocale, impedenziometrico).

E’ tuttavia necessario rilevare come non sia logicamente ipotizzabile gridare al ridimensionamento del Presidio Ospedaliero di Tinchi ad ogni stormir di fronde – conclude la nota dell’Asm – poiché gli effetti sull’ordinaria attività ospedaliera che fatti transuenti, come la assenza per malattia o ferie di un medico o la rottura o processazione manutentiva di uno strumento, possono produrre, non significano affatto che l’Azienda abbia in animo alcuno smantellamento. Sono fatti ordinari, limitati e transitori, da valutarsi per ciò che sono, senza
che vi si possa leggere in controluce alcunché.  Piuttosto, le azioni aziendali, tutte costruite col supporto finanziario della Regione Basilicata (si veda, per citarne alcuni, la nuova dialisi ed i lavori di consolidamento), vanno nella direzione opposta a quella paventata dai facili allarmismi. Sono fatti, i cantieri sono lì, aperti ed a pieno regime. Non buoni propositi”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 509volte!

Tags: , , , , , ,

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto