Lagonegro ha dato l’ultimo saluto a Mango

Mango a Policoro

Si sono svolti mercoledì mattina a Lagonegro i funerali del cantautore Pino Mango, stroncato da un infarto nella notte tra domenica e lunedì mentre si esibiva per un concerto di beneficenza al Palaercole di Policoro.

Fin dal mattino centinaia di persone hanno atteso l’arrivo della bara del cantante nella piazza antistante la Chiesa Madre della cittadina del Potentino, paese natio dell’artista, in cui, per la giornata dei funerali, è stato proclamato il lutto cittadino.

All’arrivo del feretro, portato a spalla da amici e parenti, il silenzio è stato rotto da un lungo applauso.

I funerali sono stati celebrati dal vescovo della diocesi di Tursi-Lagonegro, monsignor Francesco Nolè in una chiesa gremita, con tantissime persone rimaste in piazza.

Durante la cerimonia, Mango è stato ricordato dalla figlia Angelina: “Papà non è solo un artista, papà è la persona più brava che io abbia mai conosciuto” e dal figlio maggiore Filippo che ha ricordato che “papà era una grandissima persona. Ora – ha aggiunto in lacrime – dateci voi la forza di continuare”.

La moglie, la cantante Laura Valente, ha poi detto che “Pino è sempre stato un uomo libero, non sapeva solo cantare ma sapeva anche parlare bene perché aveva bei pensieri”. 

Alla cerimonia ha partecipato anche il paroliere Mogol che ha ricordato l’amico e collaboratore:  “Non è stato considerato per quanto valesse. Adesso, dopo la sua morte, avrà sicuramente una valutazione più grande”.

Nel pomeriggio di mercoledì sono stati celebrati nella chiesa di San Giuseppe anche i funerali del fratello del cantautore, Giuseppe, 75 anni, morto a seguito di un malore improvviso mentre si recava a dare l’estremo saluto al fratello.

Anche gli altri due fratelli di Mango, Michele e Armando sono stati colti da malore alla notizia della morte di Giovanni probabilmente per lo shock. Entrambi sono stati ricoverati al Pronto soccorso dell’ospedale di Lagonegro, ma le loro condizioni non hanno destato preoccupazione.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*