La carovona “Cinemadamare” arriva in Basilicata

E’ tutto pronto per la XIX edizione di Cinemadamare Basilicata. Ancora una volta il più lungo raduno internazionale di giovani filmmaker inizia le sue attività nella regione: Sant’Angelo Le Fratte ospiterà, sabato 26 giugno 2021, la prima tappa della Carovana diretta da Franco Rina. Con i tanti cineasti lucani e non (tutti in regola sulla normativa del green pass che arriverà) si anima la grande officina del cinema digitale fatta dai giovani e per i giovani. Nel piccolo comune potentino, famoso per i tanti murales, e per la parte antica costellata da decine e decine di cantine,  quindici troupe gireranno altrettanti cortometraggi. Anche quest’anno, nonostante i vincoli ancora presenti per la pandemia, Cinemadamare Basilicata porta sul territorio lucano studenti di cinema provenienti da scuole e università di ventisette Paesi diversi.

“Continua il nostro contribuito alle attività cinematografiche in Basilicata, che si appresta a vivere una nuova stagione di iniziative legate ai programmi della Lucana Film Commission, in fase di rilancio  –ha dichiarato il Direttore della kermesse Franco Rina-  e che ha iniziato da qualche mese il suo mandato, con rinnovati consiglio di amministrazione e presidente. In un sistema efficace, a mio parere, oltre alla grande industria è necessario prendersi cura anche di chi inizia a muovere i primi passi in questo settore tanto appassionante quanto complicato. In questo segmento si concentra l’azione di Cinemadamare, sostenuta come sempre da Regione Basilicata e Sensi Contemporanei, che ringrazio”.

L’appuntamento con la conferenza di apertura della tappa di Sant’Angelo Le Fratte è per, sabato 26, alle ore 12.30 presso la Sala Polifunzionale in località Cupa, alla presenza del Sindaco, Michele Laurino, del ViceSindaco, Vincenzo Ostuni, del Direttore di Cinemadamare Franco Rina, e naturalmente di tanti filmmaker italiani e stranieri.

“C’è grande attesa per l’arrivo dei cineasti di Cinamedamare a Sant’Angelo Le Fratte. Dopo un lungo periodo di lockdown, si torna a parlare di cinema grazie a questa kermesse, che racconterà, così come ha fatto lo scorso anno, il nostro territorio attraverso videoclip e cortometraggi pronti a cogliere le bellezze, gli usi, i costumi e la storia del piccolo borgo lucano. Un’occasione importante per riappropriarci delle nostre radici e del nostro passato attraverso la memoria cinematografica”. A dichiararlo è il Primo Cittadino, Michele Laurino, che ha, poi, aggiunto:”Cinemadamare rappresenta la manifestazione di maggiore spessore culturale per l’intera comunità, in grado di coniugare la dimensione artistica e culturale, con quella sociale e relazionale. E’ per questo che il rapporto tra la rassegna cinematografica e la comunità lucana si sta consolidando di anno in anno, divenendo un’imperdibile occasione di crescita culturale”.

Un format di successo, Cinemadamare, che si conferma anche in questa XIX edizione il più lungo Campus della cinematografia e dell’audiovisivo per la Formazione, la Promozione e la Produzione. In tre mesi la Carovana percorrerà oltre 7500 chilometri, attraversando 10 regioni italiane, e fermandosi  ogni settimana in una città diversa per dar vita non solo a decine di short movies, ma anche a workshop e lezioni di cinema. Una mission che mira, anche, a favorire la creazione del pubblico per il Cinema di qualità, in tutte le sue declinazioni tematiche e di genere,  promuovendo, altresì, la co-produzione tra società cinematografiche italiane e straniere ed incentivando il lavoro comune tra filmmaker di diversi Paesi. Il più grande raduno internazionale di giovani cineasti, alla ricerca continua di nuove locations da trasformare in set cinematografici pronti a raccontare peculiarità e bellezze del territorio, è riuscito in questi anni a valorizzare territori italiani solitamente esclusi dalla grande produzione, coinvolgendo i tanti protagonisti presenti sul territorio.

Post correlati