Gli Amici del Cuore al Pitagora di Montalbano

amici del cuore

I medici saggi non trattano le persone già ammalate, ma istruiscono quelle sane su cosa fare per non ammalarsi” . E’ quanto riportato in un testo classico della Medicina Cinese del 500 a.C.  La modernità per esprimere lo stesso concetto ci ha consegnato una rivisitazione della massima cinese, coniando il noto assioma “Prevenire è meglio che curare”.

 

Un principio che non ha bisogno di dimostrazione alcuna. Perché la cultura della prevenzione rappresenta il punto di partenza della medicina, che sceglie l’intervento farmacologico solo dopo aver tentato di modificare il più possibile uno stile di vita scorretto.

Cogliere le esigenze reali dei pazienti attraverso l’azione preventiva a partire dai più piccoli. Questo il leitmotiv dell’associazione materana “Amici del Cuore” che, dopo il successo delle precedenti edizione, torna in campo con il progetto “Cuore Giovane”,  pensato e realizzato gratuitamente per i giovanissimi. L’obiettivo? “Portare la prevenzione tra i banchi di scuola, così da ostacolare l’insorgenza di malattie cardiovascolari  rendendo provvidenziali gli interventi”.

amici del cuore 2

Lo precisa Paolo Loiodice, presidente dell’associazione, che con il suo team di esperti  lunedì ( 23 marzo) ha portato il progetto “Cuore Giovane” nell’Istituto d’Istruzione Superiore “Pitagora” di Montalbano Jonico.  Gli screening destinati agli studenti, ai docenti, e al personale della scuola ospitante, hanno preso il via pochi minuti dopo il suono della campanella delle 8,30.

Presente all’iniziativa anche Luigi Bradascio, past president dell’associazione materana e attuale    coordinatore della quarta Commissione consiliare regionale (Politica sociale).

Il progetto “Cuore Giovane”, che gli “Amici del Cuore”  portano avanti con la collaborazione della Cisom e dell’Avis Matera, fungerà anche da monitoraggio e database statistico per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, fornendo ai  pediatri dei dati certi sulla popolazione mediterranea.

Un lavoro  – sottolinea Loiodice – che ha trovato ottimo seguito sulle riviste nazionali specializzate, ottenendo consensi nei Congressi mondiali ai quali abbiamo partecipato”.

Gli “Amici del Cuore”  per ulteriori controlli e approfondimenti  sono disponibili a Matera nella sede centrale  di via Saragat, dove da circa un anno è operativo il primo centro di cardiologia sociale. Un ambulatorio che permette, soprattutto alle categorie  svantaggiate, di controllare la propria salute, usufruendo di servizi indispensabili come l’elettrocardiogramma, l’ecocardiogramma, il dopler dei vasi sovraortici e l’holter.

Molteplici le iniziative messe in campo dagli inarrestabili volontari materani, che  torneranno nella città di Lomanaco a maggio prossimo quando, in sinergia con il circolo PD locale, offriranno all’intera cittadinanza montalbanese l’opportunità di sottoporsi a uno screening cardiologico completo.  Un appuntamento da non perdere per ribadire quanto sia importante supportare le attività che si occupano di prevenzione; sostenendo altresì, le associazioni che praticano volontariato direttamente sul territorio, là dove gli eventi si verificano.

 

Antonello Lombardi

 

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*