A Craco venti giovani per un ponte con l’Europa

craco1

L’Amministrazione Comunale di Craco sta ospitando nell’ambito del Programma Comunitario “Gioventù in Azione”, venti giovani europei, provenienti da Polonia, Lettonia, Turchia e Italia, per lo Scambio Giovanile, Azione 1.1,   “C.R.A.C.O. – Cool Rural Area, Centre of Opportunity”   che si tiene a   Craco vecchia, presso l’Atelier, dal 20 fino al 29 settembre.

“C.R.A.C.O. – Cool Rural Area, Centre of Opportunity”   è   il primo progetto di scambio giovanile (Azione 1.1) che vede protagonista l’amministrazione comunale di Craco, grazie al co-finanziamento ricevuto dal Programma europeo  “Gioventù in Azione”,    che ha permesso quindi la realizzazione di tale progetto.

Il progetto rientra nelle iniziative di politiche giovanili e d’internazionalizzazione che l’amministrazione sta mettendo in campo, ed è un ponte, soprattutto in questo periodo, tra il centro lucano (inserita nella lista Watch List 2010 del World Monuments Fund) e l’Europa.

Lo scambio vede la partecipazione di 20 ragazzi europei, tra i 18 e i 25 anni, da 3 paesi dell’Unione Europea, Polonia, Turchia e Lettonia, e vede inoltre il coinvolgimento dei giovani di Craco sia nella fase di partecipazione che nella fase di   inclusione territoriale.

La delegazione Italiana è formata da 5 partecipanti, selezionati attraverso una call, che avranno la possibilità di cimentarsi in questa nuova avventura e stringere nuove amicizie.

Il progetto “C.R.A.C.O.” si basa su riflessioni fatte dai ragazzi sul libro dello scrittore Italo Calvino “Le Città invisibili”.

I partecipanti costruiranno uno spettacolo tealtrale usando lo scenario suggestivo della città “fantasma” e ha il fine di sensibilizzare sembre più le persone a capire i vantaggi sociali ed umani che nascono e che si sono mantenuti nei piccoli centri.

Le diverse attività saranno realizzate con gli strumenti dell’educazione non formale e sull’integrazione che avverrà tra i giovani partecipanti e la comunità locale che si confronterà in maniera attiva con loro.

Ogni gruppo presenterà la propria città attraverso video, foto, musiche e cibo per delle serate interculturali.

Tutti i partecipanti sono ospitati nei locali dell’Atelier dell’Arte e del Cinema e le attività si svolgono presso lo stesso Atelier e il Monastero di San Pietro e la Mediateca Comunale.

Per il futuro ci aspettiamo iniziative sempre più diffuse e integrate ai vari livelli amministrativi, con strategie e visioni a lungo termine, per essere, noi amministrazione locale, sempre più protagonista di uno sviluppo sostenibile.

I prossimi imminenti appuntamenti del progetto sono la visita alla città di Matera, martedì 24 settembre, con attività di orienteering, conoscenza del territorio e integrazione sociale, per poi tornare a Craco per mettere a punto l’evento finale che si terrà il 27 settembre.

All’iniziativa ci supporta come sponsor tecnico l’Azienza Fattoria Donna Giulia Srl, che fornisce latte e yogurt ai partecipanti.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*