Calcio a 5: il Bernalda Futsal conquista la promozione in C1

Festeggiamenti

Il Bernalda Futsal riesce nell’impresa e può festeggiare la promozione nel campionato di c1 di calcio a 5.

Un risultato raggiunto grazie alla vittoria per 8 a 6 contro il Gagliardi Potenza, giunta nei tempi supplementari dello spareggio promozione disputatosi giovedì 14 maggio al PalaSaponara di Salandra.

La promozione giunge a dieci mesi esatti dall’inizio della preparazione estiva: era il 14 luglio quando il gruppo guidato da mister Masiello scendeva sul parquet del PalaCampagna per iniziare la prime delle oltre centocinquanta sedute di allenamento per raggiungere l’obiettivo concretizzatosi nella notte del PalaSaponara.

A Salandra è successo praticamente di tutto e il Bernalda Futsal è riuscito nell’impresa di portare a termine una rimonta incredibile e cucirsi sul petto la promozione in C1. Onore al Gagliardi Potenza che sul parquet si è dimostrata squadra quadrata ma i rossoblù jonici dovevano apporre l’ultimo tassello e, accompagnati da una tifoseria colorata e caldissima, sono riusciti a raggiungere l’obiettivo.

Essere sugli spalti del PalaSaponara è stata un’emozione per tutti visto che il match si è concluso solo nei tempi supplementari, al termine di una carambola di emozioni e gol che hanno tenuto il pubblico carico a mille: oltre centocinquanta i tifosi rossoblù che hanno colorato con sciarpe e bandiere la tribuna salandrese e animato il match fino alla pacifica invasione finale, per festeggiare con i loro beniamini un risultato eccellente che bissa la promozione dalla Serie D della passata stagione.

In occasione  dello spareggio promozione è scoppiata quella scintilla con la tifoseria che mister Masiello chiedeva dall’inizio della stagione: una passione nata dalle ceneri del glorioso passato che, si spera, possa creare nuovo entusiasmo nel tifo bernaldese e dare una identità all’intero paese, voglioso di essere protagonista in ogni ambito sportivo. Al di là di ogni commento, il Bernalda Futsal è in Serie C1.

Il match non è adatto ai deboli di cuore: nel catino del PalaSaponara le due compagini si danno battaglia con coraggio e vigore, forse eccedendo in alcune circostanze, ma il nervosismo e la tensione per la posta in palio rendono il tutto più intenso.

Il risultato si sblocca dopo appena 2′ con Plati che è lesto a deviare in rete sfruttando efficacemente uno schema da calcio di punizione studiato in allenamento.

Rispondono gli uomini di Pronesti, ma Carella compie il primo intervento di giornata fermando la voglia di gol di Sambataro. Il numero 9 potentino, migliore in campo per i suoi, rimanda soltanto l’appuntamento con il gol di due minuti, costruito grazie ad una serie di dribbling che non lasciano scampo alla retroguardia bernaldese.

Gli jonici tornano a macinare gioco e costruire occasioni, ma Galasso ci mette prima il piede su Plati, poi i guantoni su Margarita e le azioni sfumano.

Al 9′ è proprio bomber Margarita a riportare i suoi avanti grazie ad uno splendido tiro ancora su uno schema perfettamente interpretato.

Sull’altra sponda continua il duello tra Carella e Sambataro con il portiere rossoblù che ha ancora la meglio, evitando guai alla sua porta. Il Bernalda Futsal costruisce numerose occasioni: è il 19′ quando un passaggio filtrante libera Fusco, ma Galasso è un muro e nega il gol al centrale bernaldese.

Capovolgimento di fronte e il Gagliardi impatta ancora con Sambataro bravo a dialogare in area di rigore con Trivigno e depositare in rete il pallone per un gol facile facile.

Neanche il tempo di riorganizzarsi che i potentini cadono ancora sotto i colpi di Margarita che realizza un gol pazzesco in stile Falcao: il numero 10, direttamente dal calcio d’inizio, supera quattro avversari, dribbla il portiere e sistema il pallone nel sacco.

Al 25′ i potentini segnano ancora: stavolta è Palese ad agguantare il risultato, sfruttando la sfortunata deviazione di Fusco che spiazza Carella ed esalta i tifosi biancoverdi. La partita è ricca di colpi di scena e il primo tempo si chiude con il Bernalda ancora avanti grazie al sigillo di Gallitelli D su una travolgente transizione su palla rubata da Margarita.

La ripresa è un susseguirsi di emozioni e gol: al 7′ i Gagliardi trovano il pari con capitan Nicastro che, al 15′ si fa espellere per un fallaccio su Margarita lanciato a rete; per il signor Santoro è rosso diretto per fallo da ultimo uomo e punizione dal limite.

Dal calcio piazzato è ancora Margarita ad illuminare la scena con il suo tiro che, deviato da Galasso, si incammina verso la linea di porta e Clementelli non può far altro che spingerla oltre la rete.

Anche in quest’occasione il vantaggio jonico non dura che un minuto, con Ostuni bravo a capitalizzare l’azione costruita dai suoi e trovare il nuovo pareggio. Le due squadre provano a trovare il colpo del Ko e Clementelli è il protagonista degli ultimi minuti: il numero 6 prima viene fermato dalla grande parata di Galasso, poi è decisivo respingendo il pallone prima che questo oltrepassi la linea della sua porta.

I tempi regolamentari si chiudono 5-5, con le due squadre chiamate all’ultimo sforzo nei supplementari. Nella prima frazione dell’extra-time, dopo l’ennesimo miracolo di Galasso sul tiro libero calciato da Gallitelli D, è Mianulli a siglare il sesto vantaggio bernaldese, deviando chirurgicamente in rete la diagonale perfetta nata in banda.

Il gol da fervore al pubblico, ma i potentini riescono ancora una volta ad aggrapparsi al risultato grazie al tap-in di Ostuni su azione a dir poco fortunata. Nella seconda frazione il Bernalda Futsal effettua lo scatto decisivo e fa suo il match: è sempre Margarita, autentico gladiatore di giornata, ad involarsi verso la porta con l’avversario che lo stende di netto; il numero 10 esce per crampi, mentre sul dischetto del tiro libero si presenta Gallitelli D che stavolta non sbaglia e firma il nuovo vantaggio.

Pronesti prova a recuperare inserendo il portiere di movimento, ma Galasso perde palla e commette fallo sul lanciatissimo Mianulli: secondo giallo e tiro libero ancora per gli jonici; dal dischetto sempre Gallitelli D che, nonostante l’emozione di un match pazzesco, fulmina il neoentrato Pirrone e chiude definitivamente i conti, dando il via ad una festa meritata per la società e per la squadra.

A fine gara è difficile farsi strada tra la tifoseria in festa per raccogliere le prime impressioni dei protagonisti.

Davide Fusco, colonna del Bernalda Futsal nel match decisivo per la promozione, commenta così i sessantotto minuti giocati contro il Gagliardi Potenza: “Questa è una stagione davvero da incorniciare: avremmo potuto e dovuto vincere il campionato senza problemi, ma una serie di episodi sfortunati non ce l’hanno permesso. Gli errori commessi ci hanno reso ancora più ambizioni e credo che vincere una finale nel secondo tempo supplementare abbia un sapore eccezionale. Questa promozione la volevamo a tutti i costi per ripagare gli sforzi dello staff tecnico che non ci ha mollati un secondo e dello straordinario presidente Plati, oltre che della squadra che non ha mai perso di vista l’obiettivo”.

Emozioni incredibili per il numero 1 della società jonica Alfredo Plati, alla seconda promozione consecutiva, la prima da presidente: “E’ stata una sfida tiratissima e l’ha vinta la squadra che ci ha creduto di più. Ora ci godiamo il momento con questi splendidi tifosi che oggi sono stati incredibili e, nelle prossime settimane, inizieremo a programmare la nuova stagione, con la speranza che Bernalda tutta si avvicini ancora di più alla nostra squadra. Ringrazio di cuore tutti gli sponsor che ci hanno sostenuto, i tifosi, lo straordinario staff e il nostro condottiero Nicola Masiello che, oltre ad essere un grandissimo allenatore, è soprattutto un grande uomo”.

Parole d’orgoglio anche da parte di Donato Gallitelli, autore dei due tiri liberi che hanno regalato la promozione alla sua squadra: “Non dimenticherò facilmente questo spareggio, soprattutto per l’apporto straordinario della gente di Bernalda che ci ha sostenuto con grande senso di appartenenza e passione. Il campionato l’avevamo già conquistato sul campo, ma è risultata decisiva la sconfitta a tavolino che ci ha costretti allo spareggio: poco male, perché vincere in questo modo è qualcosa di indescrivibile. Sottolineo la bella prova del Gagliardi Potenza, ma allo stesso tempo il grande lavoro della mia squadra che è arrivata a questa partita conscia delle insidie che nascondeva. Una menzione speciale voglio farla al Presidente Plati che mi ha voluto fortemente in questo progetto, a mister Masiello, allenatore da categorie superiori, al data-analist Giuseppe Valentino e all’addetto stampa Andrea Cignarale per il loro contributo professionale e umano al progetto Bernalda Futsal, e a Vincenzo Caruso per la sua costante vicinanza alla squadra e, naturalmente, al nostro pubblico”.

Conclusione d’obbligo con mister Nicola Masiello, artefice principale del trionfo rossoblù: “È stato un anno sportivo molto difficile, complesso e a tratti drammatico. Proprio per questo è stato un anno speciale. Siamo stati una squadra con una grande resilienza e siamo riusciti a tirarci fuori da una situazione non semplice senza intervenire sul mercato di riparazione. Ha vinto questo gruppo, nonostante fosse continuamente e perennemente decimato. Ha vinto il lavoro sul campo, quello del nostro giovane Presidente, quello del mio staff alla quale dedico questo trionfo e quello di tutte le persone che ci sono state vicine. La mia speranza è quella di aver fatto diventare questi ragazzi non solo degli atleti migliori, ma anche degli uomini migliori. Perché un giorno smetteranno di essere atleti. Un anno di duro lavoro per trenta secondi di gioia purissima. Adesso festeggeremo qualche ora e poi cercheremo di capire come possiamo diventare ancora migliori di ciò che siamo”

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*