Calcio a 5: Libertas sconfitta, Atletico Belvedere festeggia la promozione

libertas matera
Si chiude con l’ennesima sconfitta la regular season della Libertas Eraclea.
Un risultato prevedibile alla vigilia visto che il calendario prevedeva la proibitiva sfida con la corazzata Atletico Belvedere, alla ricerca della vittoria per il salto di categoria.
Vittoria che è arrivata con un netto 5 a 1 che ha permesso alla squadra degli ex Libertas Taibi e Bavaresco di festeggiare l’accesso in serie A, possibile grazie anche alla concomitante sconfitta della Carlisport Cogianco sul campo del Futsal Isola.
Per la Libertas ci sono ora i play.out contro la Golden Eagle Partenope.
La cronaca: È passato poco più di un minuto quando Schurtz tenta di inquadrare la porta difesa da Sibilia con un tiro potente, fermato dal portiere rossonero. I lanci che si susseguono sono innumerevole, in quasi tutti i casi Sibilia si fa trovare pronto o manca la precisione necessaria e centrare la rete. I primi tentativi rossoneri scattano al 5′ minuto di gioco con Bassani che c’entra il palo prima e viene fermato da Taibi Prando pochi secondi dopo.
È Do Prado che disegna le distanze con una doppietta al 6′ e al 14′.
A 32” dalla fine del primo tempo Quinellato supera Sibilia per il 3-0 in favore degli ospiti.
Nella ripresa Do Prado insacca il quarto gol a pochi secondi dal fischio di inizio.
La Libertas cerca di difendersi al meglio, ma il Belvedere inasprito dalla concomitante sconfitta del Cogianco non vuole lasciare nulla al caso e domina il campo bombardando letteralmente la porta di Sibilia.
Nonostante tutto la Libertas esprime un bel gioco si difende con autorità e cerca l’affondo a viso aperto.
Il meritato gol arriva al 13′ a opera di Dipinto che su punizione supera l’ex Taibi Prando. A 2′ dalla fine é lo stesso Taibi che inquadra lo specchio dalla distanza, ma Sibilia é pronto.
Il quinto gol arriva a 1’20” dalla fine su tiro angolato di Scigliano. Quasi contemporaneamente giunge la notizia della vittoria dell’Isola.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*