Buona la prima al Fruit Logistica per Asso Fruit

berlino

“Giornata positiva e ricca di contatti”, così Andrea Badursi direttore generale dell’Op Asso Fruit Italia che in questi giorni, e fino al 6 febbraio, espone nello stand D08 Halle 4.2 al Fruit Logistica di Berlino. “L’attenzione verso il prodotto coltivato in Basilicata e più in generale il Made in Italy continua a essere alta sui mercati internazionali e da parte nostra è ancora più forte la volontà di orientare le risorse verso la qualità”.
Badursi ha poi aggiunto: “Costante è il nostro impegno sul fronte della genuinità dei prodotti e e dell’efficienza nell’impiego delle risorse produttive. Gli investimenti in questa direzione da parte dei nostri associati, che nel Mezzogiorno d’Italia sono all’incirca 300, sono sostenuti dalla Op che è sempre più il segno vivente dell’aggregazione e del valore che essa esprime in termini di competitività”.
“Fra i nostri obiettivi futuri – ha detto il dg – quello di intensificare i rapporti con i giovani che vogliono esprimersi in agricoltura visto il crescente interesse verso il comparto testimoniato anche dalla presenza di ragazzi in fiera a Berlino”.
Francesco Nicodemo, presidente di Asso Fruit Italia e General manager di Nicofruit, azienda associata presente in fiera ha così commentato: “Nello stand abbiamo ricevuto persone provenienti dall’Europa e paesi come Russia, Ucraina, ma anche Qatar, Costa d’Avorio. Numerosi anche i nostri connazionali. Fra le colture più gettonate l’uva da tavola e le fragole di Basilicata, in particolare la Candonga Fragola Top Quality e lo stesso Club Candonga che unisce i produttori, esperienza di indiscusso valore e a cui guardiamo, come Op, con ottimismo e fiducia. Ottimo il riscontro di atre colture di pregio come le drupacee e ortaggi vari. Fruit Logistica è stata l’occasione per creare nuovi contatti e consolidare quelli storici. La vetrina tedesca dell’ortofrutta si conferma come strumento di crescita di sicuro valore per le Op e le aziende che partecipano”.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*