Al porto degli Argonauti il primo torneo di spinning della barca dello Jonio lucano

FotoBarche

Lo spinning dalla barca ai grandi predatori del mare parla lucano.

E’ positivo il bilancio del primo week end di gare nell’ambito degli eventi organizzati presso Porto degli Argonauti da International Sportfishing, l’associazione di Francesco Perretta che quest’anno, forte di importanti sinergie, ha portato due competizioni nello Jonio di Basilicata dopo aver fatto tappa nei più rinomati spot della Sardegna.

Domenica 4 ottobre, in un ampio specchio di mare compreso tra Castellaneta e Nova Siri, gli angler appassionati di spinning, suddivisi in tredici equipaggi, si sono sfidati a colpi di artificiali alla ricerca di tonni e pesci spada.

Gli dei del mare, dopo una mattinata intensa e caratterizzata per le prime ore da condizioni marine non ideali, hanno premiato il team ‘Marea 20’ che, con tre catture ed altrettanti rilasci di tonni rossi, ha conquistato la vetta del podio aggiudicandosi una canna da pesca Palms, adatta per la disciplina, offerta da Bluesprings. Nell’equipaggio capitanato da Leonardo Parente, già vincitore l’anno scorso della gara di traina, anche Saverio Risimini e Lucianna Grieco, giovanissima presenza femminile in gara a conferma di quanto lo spinning stia spopolando nelle acque del mare lucano e di come la pesca sportiva possa riuscire ad ampliare i suoi orizzonti ed interessare una platea vastissima di appassionati. A punti sono andati anche i team Free Time capitanato da Raffaele Silipo; Robalo, guidato dall’angler lucano Piero Vitelli ed I Tre Moschettieri capitanato da Montefusco.

A precedere la gara, nel pomeriggio di sabato, il seminario di Yasushi Kawahara. L’angler e testimonial della nota marca nipponica di esche artificiali Maria-Yamashita ha illustrato ai numerosi presenti, intervenuti presso Porto degli Argonauti, i segreti della pesca a slow pitch jigging, una tecnica moderna, che prevede l’uso di artificiali metallici ed a caduta rallentata da manovrare con particolare movimenti e con una attrezzatura differente e più leggera rispetto a quelle utilizzate per il vertical e lo spinning.

Ieri pomeriggio, dopo la gara, Yasushi Kawahara ha tenuto alcune dimostrazioni pratiche a bordo di alcune barche di stanza al Porto degli Argonauti. Archiviato con successo il primo week end di gare, il calendario di International Sportfishing entra nella fase clou, la gara di traina con artificiali prevista per domenica 11 ottobre,  nell’ambito di un evento che avrà inizio a partire da sabato 10.

La seconda edizione del Trofeo Magna Grecia si fregia, quest’anno, dei vessilli della F.I.P.S.A.S. (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee) ed oltre a numerosi premi, mette in palio le qualificazioni per la finale nazionale della disciplina prevista per il 2016.

Post correlati

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*