A Scanzano il lido della legalità “Onda Libera”

onda libera

Un presidio della legalità in riva al mar Jonio.

É la nuova vita dell’area dove sorgeva il lido “Squalo Beach” di Scanzano Jonico,  sequestrato al clan tarantino degli Scarci dalla Polizia di Stato il 30 settembre del 2011.

Da oggi dove vi era una struttura usata come base per la gestione di affari illegali, è nata, grazie all’impegno di “Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, “Onda Libera”, il primo stabilimento balneare confiscato alle mafie, oggi trasformato in un lido per la formazione della legalità democratica e della corresponsabilità.

[tubepress video=3NE3HkbtUGA  = embeddedWidth=”456″ embeddedHeight=”290″ showRelated=”false” title=”false”]

L’inaugurazione è avvenuta lunedì mattina, alla presenza di rappresentanti istituzionali, delle forze dell’Ordine, delle associazioni del territorio e dei ragazzi che parteciperanno all’iniziativa “E!State Liberi”, campi di volontariato che Libera organizza a livello nazionale.

Saranno tre campi nazionali, oltre 80 volontari provenienti da tutta Italia , che collaboreranno insieme al Corpo Forestale per avviare una serie di attività di gestione dei boschi, dell’entroterra e della pulizia della spiaggia.

Lo stabilimento  “Squalo Beach” è stato sequestrato nell’ambito dell’operazione “Octopus”,  coordinata dalla Squadra Mobile di Taranto su disposizione della Procura antimafia di Lecce.

Secondo l’accusa, il lido, intestato ai figli e ai nipoti di Franco Scarci, di fatto veniva gestito dal boss ed era utilizzato come base logistica per la pesca di frodo con esplosivi e come luogo di incontro di malavitosi lucani e calabresi. L’area è stata affidata a Libera dai custodi giudiziari nominati dal tribunale di Lecce a seguito della sentenza del 29 settembre del 2011.

Una vittoria della legalità, come hanno spiegato ai nostri microfoni il vicepresidente nazionale di Libera, don Marcello Cozzi, e il sindaco di Scanzano, Salvatore Iacobellis.

 

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*