A Policoro rivivono dialetti e antichi mestieri artigianali

artigiano

Ha preso il via sabato il “Cammino di Policoro”, un percorso vero e proprio che, per tutto il mese di settembre, cercherà di ripercorrere la storia della città jonica con una serie di appuntamenti dedicati alla sua storia e al suo patrimonio culturale.

Il primo appuntamento si è svolto in piazza Eraclea, con la manifestazione “C’era una volta in Basilicata. Antichi mestieri e dialetti”, organizzata dall’associazione culturale “Siddharta” e dedicata al passato recente della nostra regione.

Diversi artigiani hanno messo in pratica alcune delle più importanti attività manuali, molto diffuse un tempo e fortunatamente nelle nostre realtà ancora praticate e ben note. In piazza Eraclea sono state ricreate diverse botteghe, tra cui quelle del barbiere, della sarta, del calzolaio o dell’impagliatore.

Il numeroso pubblico ha potuto familiarizzare anche con un mestiere ormai poco noto, quello del maniscalco, impegnato a ferrare i cavalli.

Non solo artigianato ma anche i dialetti dei comuni del Metapontino, riportati in vita grazie alle liriche, spesso ironiche, di alcuni poeti locali.

Dopo questa prima serata, che ha visto una buona affluenza di pubblico, il prossimo appuntamento è fissato per sabato 12 settembre con l’atteso concerto di Max Gazzè, sempre in piazza Eraclea.

Il servizio, curato da Eleonora Cesareo, è disponibile al link: https://youtu.be/CWC2ETnZ0Fo

Post correlati

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*