A Policoro raccolta fondi per Emergency

Sudan

Si è tenuta lunedì, presso il Lido La stiva di Policoro, la raccolta fondi “Loro ci mettono il cuore, noi gli diamo una valvola” promossa dall’associazione Prima Persona e finalizzata all’acquisto di valvole cardiache per il “Salam center” , un centro di cardiochirurgia di Emergency nella città di Khartoum nel Sudan che salva la vita di oltre 1000 bambini con il cuore compromesso dalla febbre reumatica.

[tubepress video=iA90e5szi40 = embeddedWidth=”456″ embeddedHeight=”290″ showRelated=”false” title=”false”]

Diversi sono stati gli interventi che si sono alternati durante la serata. Dalla presentazione del libro “La ragazza sui calanchi” di Vincenzo Maida, a cura della professoressa Lorenza Colicigno, il cui ricavato sarà in parte devoluto agli scopi umanitari sostenuti da Emergency; all’intervento dell’assessore alla cultura del comune di Policoro, Massimiliano Scarcia e della presidentessa della sezione Fidapa di Policoro, Bice Di Brizio, i quali hanno incentivato e promosso ulteriormente la raccolta fondi.

Al fine di sensibilizzare ed attestare lo scopo della stessa, è stato proiettato un video girato presso il citato centro di cardiochirurgia dal vice presidente del parlamento europeo Gianni Pittella, che dimostra non solo il lavoro svolto con passione e coraggio dai medici di Emergency quanto anche l’interessamento dell’associazione Prima Persona, rappresentata, durante la serata, da  Adele D’Agostino referente del circolo Prima Persona di Policoro e dal coordinatore regionale Mario Polese.

A conclusione, vi è stato il saluto di Gianni Pittella,  vice-Presidente del parlamento europeo; il cui intervento,  in parte contestato, ha assunto un tono più spiccatamente politico che umanitario.

La serata, coordinata dalla giornalista Ursula Cospito, e conclusasi con un buffet di gastronomia locale, ha visto una nutrita partecipazione della popolazione;  nella speranza che lo scopo per la quale questa è stata fortemente voluta, sia stato anche in parte soddisfatto.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*