A Policoro la mostra “Com’eri vestita?”

Una tuta da ginnastica, un tubino nero attillato, ma anche il grembiule per le pulizie o il pigiama, i jeans con il maglione a collo alto, un vestitino: è Com’eri Vestita?, la mostra che riproduce gli abiti indossati da vittime, reali, di stupri insieme al racconto delle loro storie. Un mostra che ha fatto tappa a Policoro presso il museo nazionale della Siritide e che vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema della violenza sessuale partendo da una domanda ricorrentemente posta a chi subisce molestie o violenza sessuale: “Com’eri vestita?”. Ai  nostri microfoni l’ avv. Krizia Colaianni, presidente dell’Associazione La Forza delle Donne e la dott.ssa Nadia Muscialini, psicoanalista e curatrice della mostra per Libere Sinergie spiegano l’importanza del messaggio che la mostra lancia. Savino Gallo, già direttore del Museo Archeologico Nazionale della Siritide fa una riflessione sullo stupro tra storia e mito.

Post correlati