A Montalbano si parla di sicurezza stradale nel ricordo di Gianfranco

Montalbano sicurezza stradale

Si è svolta a Montalbano Jonico la giornata sulla sicurezza stradale, organizzata dall’Associazione culturale “Gianfranco F.G.M. affiliata a Federitalia.

A un anno dalla morte del giovane Gianfranco Sanchirico in un incidente stradale, l’associazione a lui dedicata, fondata da madre, sorella e fratello, prosegue energicamente nel suo intento, di diffondere la cultura della guida sicura, attraverso iniziative di sensibilizzazione e dimostrazione di tecniche di soccorso.

L’evento, ospitato dall’impianto sportivo “San Paolo”, appendice di una prima iniziativa organizzata con successo a marzo scorso, ha avuto inizio con un pubblico dibattito sulla prevenzione e sicurezza stradale.

Alla conferenza, moderata dal giornalista Antonello Lombardi hanno partecipato, insieme a Giovanna Cantanna, e Piero Marrese, rispettivamente Presidente fondatore e Presidente onorario dell’associazione, esponenti della politica regionale e comunale: Luca Braia, Assessore regionale alle Infrastrutture, Angelo Garbellano, Assessore provinciale alle Infrastrutture, Nicola Tauro, Assessore provinciale ai Trasporti.

In rappresentanza dell’amministrazione comunale di Montalbano Jonico, l’Assessore all’Agricoltura Rocco Tauro e il Presidente del Consiglio Comunale Rocco Pontevolpe. Tanti anche gli ospiti autorevoli in materia trattata: Francesco Romito, Rianimazione Asl Matera, Pierluigi Calò, di Guida Sicura auto, Paolo Gargano, di Guida Sicura moto, Angelo Campanella, Presidente Nazionale Federitalia.

“Uniti per la vita” come recita lo slogan della manifestazione, istituzioni ed esperti del settore, sono intervenuti per discutere sulle soluzioni e gli interventi da adottare per diminuire i rischi alla guida.

Solo nel 2012, secondo gli ultimi dati noti, ci solo stati oltre mille incidenti che hanno causato nel solo Materano 14 decessi.

La guida distratta, l’infrazione delle regole, l’assunzione di alcol e sostanze stupefacenti sono le cause più rilevanti di incidenti.

Allo stato psico-salutare dell’individuo, vanno aggiunte cause ambientali e le condizioni del veicolo.

Ed è per questo che la sinergia tra forze dell’ordine, gli interventi strutturali tesi a migliorare la viabilità, i maggiori controlli e sanzioni, non sempre bastano.

“La strada” da intraprendere è quella della Prevenzione.

L’educazione stradale nelle scuole, la costante informazione rivolta a tutte le fasce di età, la divulgazione del concetto di sicurezza e rispetto della vita, propria e degli altri, passeggeri ed automobilisti, non deve rimanere tema da dibattito teorico ma trovare conferma nella prassi quotidiana.

Solo in questo modo i dati di fine anno sul numero delle vittime, potranno farci meno rabbrividire.

Gli strumenti da utilizzare sono tanti.

Sistema scolastico, comunicazione mediatica; qualsiasi amplificatore che arrivi soprattutto ai giovani.

La musica, quando diventa spettacolo, può diventare veicolo di diffusione di temi sociali.

Non a caso, nella seconda parte della serata, a richiamare un discreto numero di giovani, il concerto del gruppo raggae salentino dei Sud Sound System.

Circa due ore di musica allegra e coinvolgente.

Il ricordo di Gianfranco sempre vivo, e il monito, per i giovani presenti, attraverso l’esaltazione della Vita.

Mariangela Di Sanzo.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*