A Montalbano la campagna di Legambiente "Meglio l’acqua di rubinetto"



Acqua di rubinetto? Si grazie!

E’ la campagna di sensibilizzazione promossa da Legambiente di Montalbano Jonico per incentivare il consumo di acqua che arriva direttamente nelle nostre case.
Secondo uno studio condotto dall’Acquedotto lucano, in collaborazione con altri enti regionali e provinciali, l’acqua del rubinetto è buona, sicura e conveniente.
In Basilicata, 539 sono le sorgenti di prelievo.
Quando la disponibilità sorgiva non basta, si ricorre alla miscela di acqua proveniente dagli invasi, dopo essere stata adeguatamente trattata negli impianti di potabilizzazione.

Questo processo garantisce un’acqua di buona qualità.

La sua sicurezza deriva dalle numerose analisi effettuate ogni anno.
Circa 7000 i prelievi chimici e microbiologici eseguiti sull’acqua di sorgente.
A questo, si aggiunge convenienza e risparmio per gli utenti.
Una famiglia media spende circa 250 euro annui per l’acquisto di 1000 litri d’acqua minerale in bottiglia, contro la spesa di un euro l’anno, per la stessa quantità di acqua di rubinetto.

Allo scopo di diffondere e dimostrare i risultati di queste analisi, Legambiente invita ad “imbroccarla” prelevando l’acqua direttamente dal rubinetto, per avere maggiori garanzie di sicurezza e per evitare spreco di soldi e risorse. Per questo intento mercoledì scorso, presente uno stand informativo in piazza Risorgimento a Montalbano, dove era possibile fare assaggi di acqua, per provare a distinguere, ad etichette nascoste, l’acqua di rubinetto da quella minerale e dimostrare ai cittadini che spesso un’abitudine sociale consolidata, o un fenomeno di moda, ci condiziona nelle scelte sull’acqua che ci fa meglio bere e che a volte (come recita lo slogan dell’acquedotto lucano) le scoperte più semplici sono quelle che ci cambiano la vita.

Mariangela Di Sanzo

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*