La Regione impugna la "Tassa sulla disgrazia"

Scritto da Emmenews on . Postato in Cronaca

Arriva davanti alla Corte Costituzionale la querelle tra Regione Basilicata e Governo relativamente alla cosiddetta “Tassa sulla Disgrazia”, il provvedimento introdotto dall’esecutivo nazionale che prevede che, in caso di calamità naturali, prima di poter accedere al fondo nazionale di protezione civile, la Regione che ne è vittima debba far fronte ai relativi costi provvedendo a disporre “aumenti, sino al limite massimo consentito dalla vigente legislazione, dei tributi, delle addizionali, delle aliquote nonché ad elevare ulteriormente le accise per i carburanti, fino ad un massimo di cinque centesimi per litro”.

La Regione Basilicata, colpita gravemente dall’alluvione dello scorso marzo, che ha creato forti danni in particolare nel Metapontino, sarebbe stata la prima regione a dover applicare tale norma, con la conseguenza paradossale non solo di tassare ulteriormente chi aveva subito danni, ma anche che di far pagare i carburanti più che nel resto d’Italia al territorio che maggiormente contribuisce all’approvvigionamento energetico del Paese.

Così la Giunta regionale, nel corso della seduta dello scorso 18 aprile, ha deciso di costituirsi in giudizio innanzi alla Corte Costituzionale per impugnare il provvedimento.
Secondo la Regione, infatti, la norma del “mille proroghe” sarebbe in contrasto con ben quattro articoli della Costituzione e precisamente con gli articoli 1, 3, 118 e 199.
Il ricorso evidenzia, tra l’altro, come la norma impugnata prevede che l’accesso al Fondo nazionale possa avvenire o quando i mezzi della Regione siano insufficienti o quando ci si trovi di fronte a eventi straordinari di “rilevanza nazionale”, ma osserva come questa seconda ipotesi venga lasciata a un “apprezzamento politico che faccia ritenere l’evento d’importanza tale da meritare un intervento di solidarietà dell’intera comunità nazionale” creando una disparità tra questi eventi, che, con decisione del Governo, sarebbero posti a carico dell’intera collettività nazionale, e quelli che sarebbero lasciati al solo finanziamento delle Regioni.
Quello che abbiamo messo in campo – ha spiegato il presidente della Regione, Vito De Filippo – è un atto volto alla tutela della legge e dell’Unità nazionale che non può essere in alcun modo essere letto come atto ostile a qualcosa o a qualcuno e significativo in tal senso è il fatto che procediamo parallelamente sulla stessa strada del ricorso alla Corte Costituzionale con altre Regioni di orientamento politico tra loro differente, come l’Abruzzo e le Marche.
Ciò che ci ha spinto a questa decisione – ha aggiunto De Filippo – è per un verso il voler tutelare anche in questo caso un principio di eguaglianza tra i territori e di unitarietà del Paese, e per l’altro la necessità di risarcire i danni che il territorio, gli agricoltori, gli operatori economici e i cittadini della Basilicata hanno subito a seguito dell’alluvione dello scorso marzo”.
Commenti

Questo articolo è stato letto 340volte!

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto