Fidanzatini Policoro: Olimpia Orioli chiede l’intervento dei Ris

Scritto da Emmenews on . Postato in Cronaca


Con una lettera inviata al Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale Leonardo Gallitelli, Olimpia Orioli, la madre di Luca, trovato morto a Policoro insieme alla fidanzata Marirosa Andreotta il 23 marzo del 1988, chiede l’intervento dei Ris per chiarire gli ulteriori punti oscuri emersi negli ultimi giorni. 
Nella missiva mamma Olimpia ripercorre la vicenda dei Fidanzatini di Policoro e chiede che non venga chiusa una storia dai tantissimi interrogativi ancora aperti.
Di seguito la lettera aperta di Olimpia Orioli:


Esimio Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri
Gen. Leonardo Gallitelli

Lettera Aperta

E’ con grande fiducia e speranza che rivolgo a Lei questo mio appello.
Sono Olimpia Fuina, madre di Luca Orioli, morto nell’88 a Policoro, in situazione tuttora volutamente misteriosa. L’anno scorso sono state riesumate per la seconda volta le salme di Luca e Marirosa (cosiddetti Fidanzatini di Policoro).
Oltre ai numerosissimi depistaggi e insabbiamenti che costellano il caso, ci sono perizie truccate, riconosciute reati e fatti prescrivere. Al tutto si aggiunge l’inquietante mistero della sparizione degli organi interni (visceri, fegato, polmoni, cuore, lingua, trachea, osso ioide) e dei vestiti che Luca indossava al momento della morte, conservati nel cimitero di Policoro e misteriosamente ricomparsi, non si sa quando, presso l’Istituto di Medicina Legale dell’Università La Sapienza di Roma, peraltro mai incaricato di procedere a perizia su tali reperti. Gli stessi, nel tentativo ultimo di prelevarli da Roma e consegnarli direttamente ai familiari, come se non si trattasse di preziosi elementi di indagine per una definizione certa di morte, sono risultati persino privi di un elenco. Agli atti non esiste nessun verbale che certifichi né la presa in consegna di tali reperti, né i relativi esiti.
Dopo la permanenza di quasi un anno presso l’Istituto di Medicina Legale di Bari, e, con le indagini ancora in corso, la Procura di Matera decide di ritumulare frettolosamente le salme senza spiegare le ragioni di una tale scelta, noncurante della contro-perizia redatta da tre autorevoli Professori dell’Università di Siena che smontano radicalmente quella di Ufficio, argomentandola adeguatamente e documentandola con una ricca letteratura scientifico-medico-legale.
Un mio timore è che in quella bara possa non esserci il corpo di mio figlio, ragione per cui non posso accettare l’invito pressante e minaccioso di prenderlo in consegna.
Me lo fa pensare il fatto che dagli atti relativi all’ultima perizia di ufficio non risulta l’analisi del DNA con i confronti dei familiari che ne possano determinare l’assoluta certezza.
Me lo fa pensare, inoltre, il fatto che il corpo radiografato presenta agglomerati, non meglio definiti, che sarebbero propri di un corpo di anziano.
Luca aveva 20 anni.
Chiedo e mi auguro, alla presenza di un’Italia intera, che con me chiede e aspetta giustizia, che Lei voglia coinvolgere gli esperti dell’Arma dei RIS, per far piena luce sui troppi punti oscuri mai affrontati seriamente, spesso banalizzati, ignorati o, alcuni, addirittura, mai presi in considerazione.
Lei rappresenta la mia ultima fondata speranza.
Confido nel Suo noto impegno a difesa del diritto di tutti e di ciascuno.
Non è possibile accettare una perizia, dimostrata scientificamente falsa, inutile sotto il profilo tecnico, decisamente dannosa per la verità.
Indubbiamente è una verità che scomoda molte poltrone.
Non è possibile pensare che un PM, non volendo approfondire la parte scientifica, con la scusa di non averne la competenza, rifiuti totalmente il confronto e il riscontro oggettivo delle due perizie, così fortemente contrastanti, facendo serio riferimento alla letteratura scientifica di relativo supporto da cui invece far scaturire la dovuta competenza come io stessa, misera mortale, ho potuto maturare. Occorre solo intelligenza e volontà a farlo. E’ ciò a cui io ho dovuto fare ricorso per combattere un sistema avverso alla difesa del diritto giusto.
Non è possibile accettare a “scatola chiusa” una verità che avrebbe tutti i requisiti per essere considerata preconfezionata. Lo dice il fatto che la porta dichiarata grandemente aperta dalla madre della ragazza, venga poi considerata chiusa dall’ultima perizia. Lo dice inoltre il fatto che persino l’ipotesi fantasiosa della morte, avanzata dal Prof. Introna, è fallace anche sotto il profilo logico. Secondo quest’ultima ricostruzione, i due ragazzi sarebbero entrati nel bagno, avrebbero chiuso la porta per fare l’amore (un gesto superfluo poichè in casa non c’era nessuno), la ragazza si sarebbe sentita male e sarebbe caduta, Luca avrebbe cercato di aiutarla, cadendo anche lui, e, stranamente, questa volta la porta è socchiusa. Chi l’avrebbe socchiusa? Luca mentre moriva? E poteva Luca morire di monossido di carbonio con la porta semiaperta? Avrebbe potuto prima di morire, socchiudere la porta e distendersi in maniera composta millimetrando l’esiguo spazio disponibile? E’ possibile che una caduta bassissima, dolce, come quella che si sarebbe verificata, a loro dire, a brevissima distanza dal rubinetto e dalla mensola, entrambi ritenuti probabili oggetti contundenti, possa aver procurato una ferita lacero-contusa di 14 cm, all’epoca? E come mai non c’è traccia di sangue? E come mai una caduta così lacerante non avrebbe fatto cadere i flaconcini sistemati sulla mensola accanto al rubinetto? Può un PM ignorare cose così gravi e giustificare quanto accaduto quella notte, e durante il corso di 24 anni, continuando ad addurre le irresponsabilità (tante) alla superficialità, alla non professionalità, all’età giovane degli inquirenti avvicendatisi nel gioco al massacro della verità? Qualora ciò fosse possibile, credo, come cittadina che paga le tasse, di poter pretendere che tali professionalità non possano continuare ad occupare quei posti. La cosa grave è che lo Stato possa continuare anch’Esso ad ignorare una vicenda così scabrosa, che calpesta il diritto del cittadino, annienta la dignità della persona oltre che del dolore, e offende pesantemente la sua stessa Costituzione. Lo Stato ha il dovere di assicurare piena efficienza ai suoi cittadini. Lo esigo. Lo pretendo.
Gli italiani hanno diritto e bisogno di sapere “perché”.
..Si difendono i poteri forti?….
Vorrei poterlo non pensare.
Ma Qualcuno mi aiuti a farlo.
E’ l’Italia, quella che segue con attenzione e con forte coinvolgimento emotivo le vicende dei suoi connazionali, che vuole saperlo, con me. E’ dovuto.
La verità che, così convenientemente si vorrebbe difendere esclusivamente nelle aule di tribunali, se tale, non può temere la piazza né i mass media, che grande mano invece stanno dando alla ricerca della verità.
La scienza non è un’opinione, ed io non posso accettare la chiusura del caso, ancora una volta, per approssimazioni gratuite e infondate non solo scientificamente ma anche oggettivamente secondo i fatti presenti agli atti. Solo chi teme il confronto e un probabile affronto alla propria professionalità, preferisce le aule di tribunale e rinuncia ad informare le folle che attendono da anni una tesi attendibile, sotto il profilo scientifico, e, condivisibile sotto il profilo logico.
A chiusura del caso serve infatti una “tesi” scientifica che è ancora possibile cercare sui miseri resti (se sono quelli) sbranati finora dal potere onnipotente indiscriminato e inoppugnato dell’Istituzione preposta ad accertarne invece la verità.
Confidando in un Suo intervento La saluto cordialmente.
Matera, 19 novembre 2011
Olimpia Fuina Orioli
Commenti

Questo articolo è stato letto 596volte!

Servizi

Media

WEB TV

Network

Supporto