Valbasneto:Il Comitato No Triv chiede risposte alla Commissione Parlamentare

no-triv

“La Commissione Parlamentare ha preso visione degli impianti dell’Eni e della Tecnoparco e, fermo restando che le valutazioni dell’ ispezione potranno essere fatte solo in seguito, emerge in modo inequivocabile, un approccio approssimativo a questioni di grande rilevanza. Come considerare la proposta di spostare Pisticci scalo e i suoi abitanti in altra zona a causa dei miasmi? Siamo costretti a dover spiegare noi come cittadini a dei parlamentari, che   i miasmi costituiscono   inquinamento ambientale? Conosce la Commissione Parlamentare i dati dell’inquinamento della Valbasento, e al riguardo cosa propone Mucchetti di spostare anche l’agricoltura? E’ una proposta inaccettabile, intollerabile e frutto di un modo approssimativo di affrontare questioni di grandissima importanza per i tanti cittadini non solo di quella zona .   In una recente intervista apparsa sul   Quotidiano della Basilicata,   si parla di rassicurazioni ai parlamentari della X Commissione dall’Eni sui pozzi di rieniezione.    L’intervistato, dichiara Eni ha garantito circa la sicurezza, al cento per cento, dei pozzi di rieniezione.   Bene. Quindi è tutto a posto. Ma una domanda al parlamentare   la possiamo fare? Domandare e chiedere rassicurazioni a Eni comporta necessariamente una risposta imparziale e obiettiva? Qualcuno dimentica che la legge impone l’applicazione del principio di precauzione nel caso studi scientifici, obiettivi, trasparenti e soprattutto imparziali, non sono in grado di assicurare l’assenza di conseguenze per l’ambiente e la salute dei cittadini. Non è sfuggito ai Lucani che l’ispezione della Commissione Parlamentare non ha preso in alcuna considerazione gli altri comparti produttivi della nostra regione. Agricoltura e turismo sono voci economiche importantissime per noi e hanno anche l’indubbio pregio di poter essere svolte senza impatti per l’ambiente. Lo sviluppo economico non si persegue solo con un settore o a scapito di altri. E oggi il futuro della Basilicata è l’agricoltura, il commercio dei suoi meravigliosi prodotti e il turismo. L’unica riserva strategica della Basilicata è l’acqua potabile di cui la nostra terra è ricchissima. Non vogliamo e non accettiamo la proposta del petrolio lucano come riserva strategica nazionale. Inoltre, per agricoltura biologica e turismo eco-sostenibile non c’è bisogno di dover scomodare il principio di precauzione. “AVV. GIOVANNA BELLIZZI (PORTAVOCE MEDITERRANEO NO TRIV)

Post correlati

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*