Il sindaco di Tursi annuncia una ridistribuzione delle deleghe in giunta

cosma

“A differenza di quanto affermato da qualcuno dell’opposizione, la mia amministrazione continuerà ad espletare il mandato elettorale affidato democraticamente dal suo popolo nel pieno delle sue facoltà, con il sano principio di buon padre di famiglia, fino alla sua scadenza naturale prevista per il 2020″.

Lo dichiara, in un comunicato stampa, il sindaco di Tursi Salvatore Cosma, che annuncia una ridistribuzione delle deleghe per assessori e consiglieri eletti in consiglio comunale il 31 maggio di due anni fa.

“Credo sia doveroso  – prosegue la nota – dare un nuovo slancio all’attività amministrativa ridistribuendo le deleghe ad assessori e consiglieri per premiarli e spronarli a fare sempre meglio in questa seconda parte di legislatura.

Nessun ribaltone o bocciatura ma solo uno stimolo in più che voglio si estenda anche ai dipendenti comunali con i quali ho instaurato un rapporto di cordialità e stima ma da cui ancora pretendo di più affinché si sentano anche loro amministratori e fautori del nostro futuro.

Un futuro dove, seguendo una tabella di marcia prestabilita, si possono conseguire importanti risultati, anche con un nuovo modo di fare di alcuni esponenti delle opposizioni che noto con piacere, essere più collaborativi e propositivi in questi mesi rispetto ad altri che non hanno mutato, mi spiace dirlo, il populismo che li ha sempre contraddistinti e portati alla sconfitta due anni fa.

In questi due anni ormai dalla nostra grande affermazione elettorale – prosegue Cosma- mi posso ritenere soddisfatto del lavoro svolto da tutta la mia squadra composta da uomini e donne validi e responsabili, molti dei quali del tutto nuovi al panorama politico.

Come ho affermato più volte, questi mesi sono stati un banco di prova importante soprattutto per chi viveva la sua prima esperienza amministrativa che ha saputo affrontare con grande carisma e diligenza nonostante le difficoltà in cui l’Ente versa.

Nonostante questo, abbiamo messo in campo ogni sforzo per rilanciare la nostra comunità attraverso una serie di opere che sono state realizzate come il rifacimento di Piazza Maria SS. di Anglona, il tanto atteso sbocco di viale Sant’Anna, l’ammodernamento dello Stadio comunale Mimmo Garofalo, l’apertura del Museo Diocesano che è visitabile grazie alla disponibilità dell’associazione Società Operaia Mutuo Soccorso, la sezione Primavera, l’area cani, i lavori di pubblica illuminazione a risparmio energetico e la videosorveglianza iniziati da qualche giorno, l’ammodernamento di tutte le villette comunali, la prossima realizzazione dell’area fitness in pineta, i lavori di consolidamento del torrente Pescogrosso, l’ammodernamento degli istituti scolastici e altri lavori che sono in via di definizione e avviamento.

Non voglio dimenticare le tanti manifestazioni svolte per dare risalto al nostro territorio, dal centro storico con il Presepe vivente organizzato dalla Pro Loco a Rabatanestate dell’associazione Istrice in collaborazione con altre associazioni locali.

Ancora, i progetti per l’integrazione dei disabili come DisabilmenteMare, l’impegno in favore ed a difesa delle donne da parte della Fidapa e l’accoglienza verso i migranti che sono giunti nella nostra città e che piano piano si stanno integrando nel nostro tessuto sociale e culturale.”

Un excursus molto dettagliato da parte del primo cittadino che rivendica anche gli ottimi rapporti e la grande considerazione che la sua città ha ritrovato sul panorama politico regionale e nazionale con le istituzioni, anche ecclesiali, del territorio:

“Tutto questo è stato accompagnato da una ritrovata considerazione della nostra comunità con le istituzioni di ogni grado, dalla Provincia, dove grazie alla mia elezione, ci siamo mostrati ancora una volta compatti per consentire a Tursi di avere un suo rappresentante nel Consiglio, alla Regione Basilicata, come dimostrato dalla scelta del Presidente Marcello Pittella di presentare qui il suo lavoro triennale alla guida della nostra regione, fino ad arrivare al governo centrale con gli ottimi rapporti con l’attuale Ministro degli Esteri, Angelino Alfano.

Ognuno di noi ha fatto il massimo affinché anche le difficoltà più insormontabili, diventassero risolvibili mettendo sempre al primo posto l’amore ed il rilancio della nostra splendida Città.

Rilancio che passa, inevitabilmente, dall’ottimo rapporto che un Sindaco ed un Amministrazione Comunale, sono stati capaci di intrattenere con tutti, dalle associazioni, passando per le attività imprenditoriali e commerciali, fino alla Chiesa.

A tal proposito, come non citare, l’enorme emozione provata all’arrivo in città del Vescovo Orofino che con carisma, ha fatto subito suo il desiderio di Chiesa e di comunità che la nostra Tursi ha sempre manifestato con forza e che il nostro Padre ha accolto mostrandosi vicino alla sua nuova grande famiglia.

Da tutto questo, noi amministratori abbiamo tratto la ninfa vitale per superare anche i momenti più duri e di grande scoramento che un amministratore si trova a vivere quando vorrebbe fare il possibile per la sua gente ma non ci riesce per le difficoltà che si vivono.”

Post correlati