“Quando e come saranno vaccinate le persone con disabilità in Basilicata?”

vaccino foto

Attraverso una lettera indirizzata al presidente della Regione Basilicata Vito Bardi e all’assessore regionale alla Sanità Rocco Leone i presidenti delle associazioni Fand e Fish Basilicata chiedono di conoscere tempistica e modalità per procedere alla vaccinazione di tutte le persone con disabilità fisica e psichica.

“Come noto, – si legge nella lettera – il Piano vaccinale predisposto dal Ministero della Salute prevede la vaccinazione per persone con disabilità ed i loro caregiver a partire dal mese di febbraio 2021. Nella Sua qualità di Commissario Straordinario, il Dr. Arcuri ha infatti dichiarato che per le persone con disabilità le vaccinazioni sono previste a partire da febbraio, insieme alla seconda categoria degli over 80. Secondo le sue dichiarazioni, anche i caregiver saranno contestualmente vaccinabili, in quanto non avrebbe senso immunizzare la persona con disabilità ma non il suo accompagnatore.

Le problematiche legate alla disponibilità delle dosi vaccinali stanno creando ritardi nei piani vaccinali stessi, ma ad oggi nessuna informazione è trapelata dalla Regione Basilicata circa le modalità ed i tempi per la vaccinazione delle persone con disabilità. La Fish e la Fand, nell’affermare la necessità di provvedere quanto prima a garantire una copertura immunitaria alle persone con disabilità, ricordano che le stesse sono doppiamente esposte al rischio di infezione, sia perché le condizioni mediche possono determinare in molti casi un peggioramento del decorso della malattia da COVID 19, sia in riferimento ad un quadro più complesso, che investe la più ampia sfera delle stesse persone e di chi se ne prende cura e carica. Con la presente si chiede quindi alla Regione Basilicata di voler tener conto delle indicazioni del Ministero della salute nel merito e di conoscere la tempistica e le modalità per procedere alla vaccinazione non solo delle persone con disabilità che vivono in RSA o che frequentano centri diurni, ma, così come consigliato, per tutti coloro che hanno una disabilità sia fisica che psichica.

Post correlati