Policoro: l’Asm presenta "Estate sicura"

Si è tenuto presso la direzione sanitaria dell’ospedale Giovanni Paolo II di Policoro la conferenza stampa del direttore generale dell’Azienda Sanitaria di Matera, Rocco Maglietta, per la presentazione del progetto “Estate Sicura”.
Ad essa hanno partecipato il direttore amministrativo Pietro Quinto, quello sanitario Andrea Sacco, il direttore regionale del servizio 118 Libero Mileti, il dirigente dell’APT Mariano Schiavone, il presidente del consorzio degli operatori turistici del metapontino (Coturmet) Giovanni Matarazzo e quello dell’associazione Lucania Turismo doc, Franco Garofalo.
Il direttore generale Maglietta ha dichiarato che: “la forte presenza di turisti nella fascia jonica durante il periodo estivo impone di adeguare e potenziare i servizi e l’assistenza sanitaria per fornire risposte immediate e sicure al fabbisogno di salute. 
La sanità deve saper dare risposte flessibili e rapide adeguandosi alle esigenze. Per questo la Asm ha predisposto un programma ad ampio raggio che ha messo in campo anche la formazione di numerosi operatori dei villaggi turistici della zona, formati a prestare le cure di primo soccorso, e l’informazione ai turisti, con opuscoli mirati alla prevenzione dei danni derivanti dalla prolungata esposizione solare e alla corretta alimentazione nel periodo estivo.
L’azienda sanitaria non dimentica chi rimane a casa, in special modo gli anziani soli della provincia di Matera, cui è stata inviata una lettera decalogo con i dieci migliori consigli per prevenire malori e insolazioni. Fondamentale è stata la collaborazione con il 118, per il forte coordinamento delle iniziative sanitarie e con l’Apt di Basilicata, con cui la Asm ha sottoscritto un protocollo d’intesa per azioni informative congiunte“.
Nel metapontino si registrano circa il 60% delle presenze turistiche in Basilicata e lo scorso sono transitati complessivamente oltre un milione di persone.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*