Policoro: collaudato acquedotto rurale di via Diaz

acqua-rubinetto

Dal 15 settembre i cittadini residenti in via Diaz, a Policoro,  potranno richiedere ad  Acquedotto lucano l’allaccio idrico, poiché è giunto a conclusione il collaudo dell’acquedotto rurale posto in quella zona della città.

“I lavori – spiega l’Assessore allo Sviluppo Economico Domenico Bianco –  sono partiti un anno fa e si sono conclusi nell’aprile di quest’anno pemettendo così di poter effettuare il collaudo che è stato realizzato giovedi scorso.

E’ stato possibile raggiungere tale obiettivo grazie alla comunità d’intenti tra il Comune di Policoro, quello di Tursi e Acquedotto lucano che hanno collaborato per trovare una soluzione a questo annoso disagio in cui versavano i cittadini della zona in quanto, prima dei lavori, l’acquedotto si trovava in condizioni pessime  e non permetteva agli stessi residenti l’approvvigionamento idrico costante durante il corso della giornata.

L’acquedotto, a capo del Comune di Tursi poiché si approvvigiona dal serbatoio di Anglona,  registrava pesanti perdite che ne limitavano il servizio. Per questo   l’acqua veniva frazionata per permettere a tutti l’approvvigionamento e lo stesso Comune di Tursi aveva richiesto immediati ed urgenti riparazioni, pena la sospensione del servizio di erogazione.

Oggi pensiamo di aver risolto gran parte di questo problema avendo consegnato una condotta a norma di legge e quindi priva delle perdite che ne pregiudicavano il servizio. Rimane da risolvere il problema dell’erogazione che ad oggi è sempre  limitata, a causa delle dimensioni del serbatoio idrico di Anglona da cui si fornisce, che non permette allo stato attuale di potenziare l’approvvigionamento costante.

Ed è infatti – conclude l’assessore –  proprio  il potenziamento del serbatoio il prossimo obiettivo che insieme al Comune di Tursi intendiamo raggiungere per  permettere l’approvvigionamento costante nella giornata e cancellare definitivamente il disagio ai cittadini serviti dal serbatoio di Anglona.”

Post correlati

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*