Pisticci, altri tre arresti per furto d’energia elettrica

polizia

Proseguono senza interruzioni i servizi di controllo del territorio della Polizia di Stato, in particolar modo volti alla prevenzione e alla repressione dei reati contro il patrimonio nella fascia jonico metapontina.

In particolare, l’attività di controllo contro i “furbetti dell’energia”, svolta dal personale della Polizia di Stato di Pisticci diretto dal Commissario Capo Gianni Albano, ha permesso di individuare altri due casi di indebita percezione di ingenti quantitativi di energia elettrica e di trarre in arresto tre persone responsabili dei furti.

I controlli sono stati effettuati dai poliziotti dell’Anticrimine del Commissariato unitamente a personale dell’Enel appositamente preparato. Su quattro verifiche mirate, effettuate nei confronti di altrettante attività – un ristorante, un rivenditore all’ingrosso di gelati, un’officina meccanica e un’azienda agricola -, due hanno fornito riscontri positivi.

Presso l’officina meccanica si è accertata la manomissione del contatore elettrico. Attraverso la forzatura dei morsetti laterali di chiusura, è stato manomesso il contatore e la registrazione dei consumi alterata.

Lo stratagemma ha consentito al titolare dell’officina di fruire di energia per ben 8 anni con un “risparmio” stimato intorno ai 30mila euro.

Il secondo caso di furto di energia elettrica è stato accertato in un’azienda agricola. Un allaccio abusivo ad un contatore ufficialmente cessato dal 2010 consentiva ai due proprietari dell’azienda, marito e moglie, di ottenere energia elettrica per due appartamenti e un’officina annessa, senza che nemmeno un centesimo di consumo venisse registrato.

Il furto fino ad oggi compiuto è stato stimato in oltre 50mila euro.

Considerata la flagranza di reato e su disposizione dell’Autorità giudiziaria, la Polizia ha proceduto all’arresto del titolare dell’officina meccanica e dei due coniugi proprietari dell’azienda agricola per furto aggravato e continuato. I tre sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

I servizi congiunti tra Polizia di Stato e personale Enel proseguiranno nei prossimi giorni.

Questura di Matera

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*