Per il Comitato Terre Joniche "positivo l’incontro in Prefetttura"


Il portavoce del Comitato per la Difesa delle Terre Joniche, Gianni Fabbris, impegnato in questi giorni in una serie di incontri in Sicilia con gli agricoltori di quel territorio, ha espresso soddisfazione  – in una nota – per l’incontro che il Prefetto di Matera, Luigi Pizzi, ha tenuto giovedì 4 ottobre presso il Palazzo del Governo.


“L’incontro a cui hanno partecipato, tra gli altri, l’Assessore Regionale alle Infrastrutture e Opere Pubbliche, Mancusi; il Dirigente Generale del Dipartimento Infrastrutture e Opere Pubbliche della Regione Basilicata, Cerverizzo; il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Matera Barisano, il Presidente del Consorzio di Bonifica di Bradano e Metaponto e gli Amministratori dei Comuni della fascia jonica, ha avuto come obiettivo primario quello di fare il punto sullo stato di attuazione delle misure finalizzate alla mitigazione del rischio idrogeologico e alla manutenzione degli alvei e degli argini dei corsi d’acqua presenti sul territorio provinciale, fortemente indeboliti durante l’alluvione di Marzo 2011”.

Dobbiamo ancora una volta”, ha affermato Fabbris, “prendere atto del grande senso civico che contraddistingue il Prefetto di Matera Luigi Pizzi il quale ha accolto con solerzia quanto da noi richiesto nella lettera inviatagli il 24 settembre scorso”.

Nella lettera, infatti, – prosegue il comunicato –  il Comitato TerreJoniche aveva chiesto al Prefetto di intervenire urgentemente per ottenere che il Governo Nazionale inviasse al Commissario i 7 milioni di Euro stanziati e mai arrivati e perché, la Regione Basilicata, spendesse immediatamente le risorse a sua disposizione per la messa in sicurezza degli argini e per i primi interventi ai privati.


Auspichiamo ora” aggiunge Fabbris “che dopo questo incontro con le Istituzioni il Prefetto ne voglia convocare un altro con le parti sociali e le stesse istituzioni e che in quella sede vengano date risposte risolutive sia sui tempi e sui modi della spesa delle risorse già disponibili che su come reperire le altre risorse per completare il piano di intervento”.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*