Metaponto: il Programma Operativo Val d’Agri a "Comunicamente Basilicata"


Centinaia i cittadini che hanno visitato lo stand del Programma Operativo Val d’Agri Melandro Sauro Camastra appositamente predisposto per dialogare con il territorio nell’ambito della Fiera “Comunicamente Basilicata” che si è tenuta a Metaponto il 7-8 luglio. 
Due giorni dedicati all’interazione con la cittadinanza, proveniente da più parti della Basilicata, per illustrare le attività del PO, le sue misure d’azione e i nuovi progetti di sistema tra cui Valore Natura. 
E’ stato quest’ultimo il progetto maggiormente divulgato nell’ambito del contesto fieristico alla presenza dei rappresentanti del Wwf e mediante la distribuzione della guida prodotta nell’ambito del lavoro effettuato con 56 aziende del territorio.
Aziende che hanno portato la loro testimonianza verbale nell’ambito dell’incontro con la stampa tenutosi domenica mattina intorno alle 11, e fattiva con l’allestimento dello stand a loro riservato con le loro peculiarità e i loro prodotti. 
Un modo per “comunicare” gli sforzi compiuti dal Programma Operativo affinché si ragioni in termini di città-comprensorio e si rendano gli abitanti del luogo i veri protagonisti della crescita.
Comunicamente Basilicata è stata una nuova occasione per spiegare ai cittadini come opera il Programma Operativo sul territorio – ha affermato il dirigente della Struttura di Progetto, Francesco Pesce – In questi giorni abbiamo potuto illustrare i progetti di sistema tra cui Valore Natura fornendo a chi si è avvicinato allo stand una copia della guida che abbiamo prodotto con il Wwf e 56 aziende del territorio. Un modo per far conoscere un attività di comprensorio sotto una veste anche turistica”.
Diversi i visitatori che hanno chiesto informazioni sui possibili itinerari da scoprire e sulle strutture da contattare. Come ha illustrato Luigi Agresti del Wwf Italia: “Dopo un lavoro di formazione con le aziende che ha portato alla nascita del volume e all’individuazione di quattro itinerari: quello naturalistico georeferenziato, quello enogastronomico, quello religioso e quello delle pietre parlanti, si sta pensando alla promozione della guida anche fuori regione e negli ambienti adeguati. Queste due giornate sono un primo passo”.
A breve, infatti, dovrebbe avviarsi la seconda fase del progetto Valore Natura, quella che si preoccuperà di offrire all’esterno un prodotto turistico costruito dal basso e con l’attivo coinvolgimento delle aziende che quotidianamente vivono il territorio.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*