Metapontino in rosa per il Giro d’Italia

giro italia

Il Metapontino si tinge di rosa ed è una grande festa per il passaggio della quinta tappa del Giro d’Italia, che ha portato la carovana ciclistica da Cosenza   a Matera.

Nonostante il tempo incerto e la pioggia numerosissimi gli appassionati che, a partire dalle ore 15, hanno affollato la statale 106 Jonica e la provinciale Matera  – Metaponto, per vedere il passaggio dei “girini” e di uno in particolare, l’eroe di casa Domenico Pozzovivo, lo scalatore pronto ad affrontare i prossimi impegni d’alta quota.

Ma al di là della corsa, il Giro d’Italia è stata anche occasione per fare festa e divertirsi.

[tubepress video=BPLGZKBYL3M = embeddedWidth=”456″ embeddedHeight=”290″ showRelated=”false” title=”false”]

Come accaduto a Policoro, scelta da Radio101, partner ufficiale del Giro, per la manifestazione Km101, ovvero la scelta di “adottare” 18 comuni attraversati dalla corsa rosa, coinvolgendo con musica e animazione gli abitanti e invitando l’intera cittadinanza a partecipare alla festa prima, durante e dopo il passaggio della coloratissima carovana.

I Dj hanno animato la mattinata e il pomeriggio policorese, coinvolgendo giovani e meno giovani, regalando magliette e manone e presentando l’esibizione della squadra di cheerleader di Gallipoli.

Un’esperienza unica, come ha raccontato ai nostri microfoni Dj Freccia.

Il momento clou è stato sicuramente il passaggio della carovana pubblicitaria: non solo la distribuzione degli immancabili gadget degli sponsor ma anche balli e foto con i ragazzi in viaggio per l’Italia.

Accanto a Radio 101 lo stand di Banca Mediolanum, con un testimonial di eccezione, il campione olimpico e due volte campione del mondo, nonché commissario tecnico della nazionale di ciclismo Paolo Bettini.

Per la cronaca la tappa conclusasi a Matera è stata vinta dal tedesco John Degenkolb, della Argos – Shimano, che ha sfruttato il vuoto lasciato da una caduta nella penultima curva, capace di stravolgere le gerarchie dello sprint.

 

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*