“Educare alla musica” con l’associazione “Alessandro Vessella”

immagine dell'incontro del 12 luglio in sede

Si è messa al lavoro, a Policoro, l’Associazione musicale “Alessandro Vessella”, il cui obiettivo prefissato è quello di creare un grande movimento musicale per educare i tanti giovanissimi e non della città policorese e zone limitrofe alla musica d’insieme.

Sabato 12 Luglio, nella sede dell’associazione sita in Piazza Dante nell’edificio della vecchia scuola elementare è avvenuto il primo incontro tra il direttivo della “Alessandro Vessella” con a capo il presidente Domenico Guarino, il maestro professor Rocco Lacanfora e la cittadinanza, insieme a tanti ragazzi che già hanno conosciuto la musica attraverso i corsi frequentati nelle scuole medie.

L’associazione musicale “A.Vessella” nasce qualche anno fa dall’idea di alcuni veterani del vecchio complesso bandistico della città jonica, nato agli inizi degli anni 80 sotto la direzione artistica del maestro Tonino D’Amico prima e del professor Lacanfora poi; ed è lo stesso professor Lacanfora a dirigere l’attuale gruppo protagonista già di alcuni concerti di successo negli ultimi anni.

Come spiega il presidente dell’associazione Domenico Guarino l’obiettivo è quello di partire con lo stesso entusiasmo che tanti anni fa accompagnò la nascita del vecchio complesso bandistico:”nella nostra città ci sono molti ragazzi che iniziano a studiare musica alle scuole medie, ma spesso poi concluse le stesse finiscono per abbandonare anche gli studi musicali. Intento dell’associazione è quello di evitare che ciò avvenga creando un grande movimento, un vero e proprio laboratorio musicale per poi mettere in piedi un’orchestra giovanile, una big band o perchè no un complesso bandistico. Ringraziamo l’amministrazione comunale che ci ha permesso di mantenere questa sede e ci auguriamo che da settembre ci sia un grande afflusso di ragazzi e appassionati di musica”.

L’associazione “A.Vessella” è pronta ad impegnarsi anche nel sociale, dando la possibilità di iscrizione anche a ragazzi con possibilità economiche ridotte.

Il maestro Rocco Lacanfora si esprime così sul progetto che andrà a cominciare dal mese di settembre:”il corso si basa su un moderno metodo per impartire lezioni musicali motivanti ed efficienti, dove i ragazzi apprendono il “loro” strumento musicale con efficacia in un lavoro di gruppo; il modello sarà quello di una Wind Ensemble (fiati e percussioni), sono presenti infatti strumenti quali flauti traversi, clarinetti, sassofoni, trombe, tromboni, corni, bassi tuba, timpani, batteria e percussioni. La responsabilità di uno strumento risveglia nei ragazzi il senso del valore, diventa un amico prezioso nella sua sfera emozionale”. In sintesi, dichiara il maestro Lacanfora, “imparare a suonare uno strumento stimola la concentrazione, l’impegno e favorisce con ciò anche altri risultati nella vita”.

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*