Incendi Metapontino: Sopralluogo dei senatori Pd

Nella mattinata di venerdì i senatori del Partito democratico, Carlo Chiurazzi e Filippo Bubbico, si sono recati, accompagnati dal sindaco di Scanzano Jonico, Salvatore Iacobellis, presso le ultime due aziende colpite da attentati incendiari nel Metapontino: la PanAgri di Scanzano Jonico e “Terre del Sud” ubicata a Tursi in contrada “Troili”.
I parlamentari hanno potuto constatare di persona che anche questi ultimi due eventi criminosi hanno provocato ingenti danni alle aziende colpite e come nel caso di quello di Tursi, addirittura, le fiamme hanno letteralmente distrutto le strutture dedite alla commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli.
In serata i senatori Carlo Chiurazzi, Filippo Bubbico e Maria Antezza hanno avuto un lungo colloquio con il prefetto di Matera, Luigi Pizzi, a lui i parlamentari hanno manifestato la loro “forte preoccupazione per gli atti delittuosi che mirano a colpire sempre più i centri produttivi e nevralgici del Metapontino; atti che nella loro sequenza temporale e nella gravità, non accennano a diminuire”.
I parlamentari sono inoltre preoccupati del fatto che “la mano criminale sia orientata prevalentemente, anche in questi ultimi eventi, ad aggredire il settore agricolo che é per il Metapontino prioritario rispetto a tutti i settori produttivi, sia per il valore della produzione che per le decine di migliaia di unità lavorative occupate nel settore.
Infine i senatori lucani del Partito democratico dichiarano che “Nel sostenere lo sforzo che tutte le forze di polizia stanno compiendo in quell’area, ne auspicano un ulteriore rafforzamento perché la civile e serena convivenza nel territorio del Metapontino non venga ulteriormente turbata da questi eventi e gli autori vengano consegnati al più presto alla giustizia”.
Nei prossimi giorni Chiurazzi, Bubbico e Antezza annunciano che all’inizio della prossima settimana con una propria nota “richiameranno l’attenzione del governo ed in particolare del ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, sul preoccupante fenomeno”. 

Post correlati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*