IL DOTT. ANTONIO URSONE, UN’ECCELLENZA LUCANA IN PRIMA LINEA NELLA RADIODIAGNOSTICA E RADIOLOGIA INTERVENTISTICA

Un’eccellenza lucana punto di riferimento nell’ambito della Radiodiagnostica e della Radiologia interventistica: è il Tenente Colonnello medico dell’Esercito Antonio Ursone, di origini montalbanesi ma in servizio da anni a Roma, attualmente al Policlinico militare “Celio”. Ricchissimo il suo curriculum, numerose le missioni e le operazioni a cui ha partecipato. Tra queste, la missione umanitaria “Nicole” dell’Unione Europea e ONU in Chad in qualità di ufficiale medico radiologo e dirigente del servizio sanitario del contingente italiano; l’operazione “Giotto” come medico radiologo dei capi di Stato partecipanti al G8 che si è svolto all’Aquila nel Luglio 2009 e l’operazione di pace Leonte (2010) dell’Onu in Libano come medico radiologo presso l’ospedale UNIFIL e dirigente del servizio sanitario del contingente italiano. È stato anche in Afghanistan dove ha prestato le sue competenze e, dal primo aprile di quest’anno, è consulente alla sicurezza e gestione del rischio per l’emergenza Covid-19 su incarico dell’UPI Basilicata.
Numerosi i master frequentati durante l’iter formativo per specializzarsi in Diagnostica per Immagini e Radiologia Interventistica, svariate le pubblicazioni che ha firmato. Proprio grazie alla professionalità e all’esperienza, l’ufficiale medico è oggi anche direttore sanitario del centro radiologico e poliambulatorio specialistico Mediagnostica a Policoro, costituito da macchine di ultima generazione e tecnologia avanzata – come ad esempio la risonanza magnetica aperta per lo studio delle articolazioni e della colonna vertebrale o la radiologia tradizionale definita “digitale diretta” con un utilizzo di basso dosaggio di radiazioni durante l’esame del paziente.

Post correlati