Focus in Regione Basilicata sull’avanzamento dei lavori della Basentana

basentana

“Subito la nuova barriera spartitraffico del tipo Ndba sull’intera arteria: ora si può!”

Ad affermarlo, l’assessore regionale alle Infrastrutture, Donatella Merra, al termine del secondo appuntamento della task force viabilità con Anas.

Dopo la Ss 658 Potenza-Melfi è l’ora della Ss 407 Basentana.

Sui 4 lotti di esecuzione si confermano avanzamenti dal 30 al 45 per cento, che trovano copertura finanziaria nell’ambito di un accordo quadro che cuba per la sola Basentana quasi 140 milioni di euro, di cui 71,5 milioni di risorse regionali. “Ma è necessaria un’accelerazione”, puntualizza Merra. I lotti in esecuzione e gli altri in appalto prevedevano l’installazione della barriera e il conseguente ampliamento della carreggiata. “La vera novità – evidenzia l’assessore – sta nell’introduzione di un’innovativa barriera spartitraffico del tipo Ndba, le cui ridotte dimensioni di ingombro consentono l’installazione anche senza l’allargamento della carreggiata. Essendo stato concluso la settimana scorsa un appalto di ulteriori 30 milioni di euro, per la fornitura e installazione su tutta l’arteria di questa nuova tipologia di barriera, ho richiesto ad Anas di procedere immediatamente, nell’ambito di questo appalto, all’installazione della stessa sull’intera strada, per metterla subito in sicurezza, in modo che tale risultato possa essere raggiunto nell’arco del 2021. I lavori previsti secondo i lotti indicati che prevedono anche l’allargamento – dice ancora l’esponente della giunta lucana – potranno procedere parallelamente ed essere conclusi entro agosto 2022”.

Per valutare questa soluzione l’assessore, il dirigente dell’Ufficio Infrastrutture ed il responsabile Anas della progettazione hanno programmato un nuovo incontro il prossimo 8 febbraio.

Mercoledì 27 gennaio, invece, previsti sopralluoghi dell’assessore Merra e dei tecnici sul primo ed ultimo lotto della Basentana, sul ponte di Craco e sull’ultimo lotto della Bradanica nel territorio di Matera.

Post correlati