Calcio a 5: Villafranca, Montesilvano e Arzignano le altre semifinaliste della Final Eight

Final Eight

Saranno Villafranca – Montesilvano e Arzignano – Ariccia le due semifinali della Final Eight di Coppa Italia di serie B di calcio a 5; questi i verdetti della prima giornata di gare svoltasi venerdì al Palaercole di Policoro.

Il torneo si è aperto con una partita molto emozionante, la sfida tra i veneti del Carrè Chiuppano e il Città di Villafranca, finita quattro a quattro e risoltasi ai rigori con la vittoria dei siciliani.

Primo tempo equilibrato e chiusosi sullo zero a zero, con i due portieri, da una parte il bosniaco Josic e dall’altra il giovanissimo Lo Buglio che la fanno da padrona.

Nella ripresa, invece, è tutta un’altra storia con il siciliano Salomao che calcia sulla traversa un rigore e, pochi secondi più tardi, regala il pallone a Ranieri, che non perdona e sigla il vantaggio.

[tubepress video=9vLEu6NG5ww =embeddedWidth=”456″ embeddedHeight=”290″ showRelated=”false” title=”false”]

Il tecnico del Villafranca Rinaldi schiera il portiere di movimento, mossa che però non dà i suoi frutti ma anzi lascia la porta sguarnita ai lunghi lanci dei veneti che siglano così il 3 a 0 con l’estremo difensore Josic (7′) e Lucca (11′) Passa un minuto e i siciliani riaccendono le speranze con una puntata di Orofino, ma al 14′ il Carrè ristabilisce le distanze con Iglesias Nunez.

Il Villafranca, sostenuto dal pubblico del Palaercole, non si arrende e nel giro di pochi minuti trova un clamoroso pareggio con capitan Di Trapani (16′) e una doppietta di uno scatenato Di Carlo, che fa il 4-4 a 3 secondi dallo scadere dei tempi regolamentari.

Ai tiri di rigore, decisive le realizzazioni di Salomao e Di Trapani così come le parate di Lo Buglio che spediscono il Città di Villafranca in semifinale contro il Montesilvano, vincente per tre a uno su un’altra squadra veneta, il Came Dosson.

La favorita di queste Final Eight ci mette  32′ a sbloccare il risultato, dopo che il primo tempo si conclude anche in questo caso sullo 0-0.

Succede tutto nella ripresa: ad aprire le danze, all’11’, è Correia, seguito  quattro minuti dopo da Burato che realizza con una gran botta di destro. Qualche secondo più tardi, arriva il 3-0: splendido passaggio di sinistro di Junior per Palusci che col piatto destro punisce Bonora. Il Came Dosson schiera il portiere di movimento e, nel tentativo di una disperata rimonta, realizza il gol della bandiera al 18′ con Bordignon. Nei restanti 104 secondi di gioco, Mazzocchetti abbassa la saracinesca e il risultato non si sblocca più fino alla fine della partita. Il Montesilvano va in semifinale, la Came Dosson esce a testa alta.

La terza gara del torneo vede in campo ancora un team veneto, l’Arzignano, contro i laziali del Prato Rinaldo; è sicuramente il match con meno emozioni, deciso anche in questo caso dai calci di rigore dopo un tempo regolamentare finito sullo zero a zero.

Ancora una volta protagonisti sono i portieri che si superano per salvare il risultato.

Si va così ai rigori: il laziale Colaceci sbaglia quello decisivo e spedisce la squadra veneta in semifinale.

Post correlati

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*